23 marzo 2019
Aggiornato 03:00
Il caso

Arresto Battisti, Salvini: «Bolsonaro è stato di parola»

Catturato in Bolivia il terrorista Cesare Battisti. Entro la metà della prossima settimana potrebbe essere estradato in Italia, secondo quanto riferito dal ministro Salvini

Video Euronews

ROMA - «E' una bellissima domenica, penso soprattutto ai familiari delle vittime di questo infame assassino che se la godeva in spiagge in giro per il mondo da troppi anni. Ringrazio le forze dell'ordine italiane, brasiliane e boliviane, oltre ai servizi di sicurezza. E' mutato il clima politico internazionale, dove l'onore la giustizia e il rispetto, la certezza delle regole e della pena tornano a contare qualcosa». Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini a Rtl 102,5.

Bolsonaro è stato di parola

«Non è stato un regalo a me, ma a tutti gli italiani - ha aggiunto -. Bolsonaro è stato di parola: era stato uno dei suoi primi impegni dopo l'elezione alla presidenza della repubblica in Brasile. Ripeto, ci sono troppi morti e feriti che da troppi anni attendevano giustizia. Le sinistre di mezzo mondo, pseudo intellettuali e pseudo cantanti, che difendevano quello che è un volgare assassino come prigioniero politico. Spero che arrivi in galera in Italia il prima possibile».

Tempi ristretti per il rientro in Italia

«Saranno tempi ristretti per il rientro in Italia - ha concluso -. Ci sono già in movimento uomini e mezzi italiani, c'è una piena collaborazione con le autorità boliviane e brasiliane, c'è stato un bellissimo lavoro di squadra. Spero che si parli di ore perché in passato questo infame ci ha abituato a scherzi di ogni genere. Sembra però che il clima sia finalmente cambiato e l'Italia sia tornata a essere centrale e protagonista».

Bolsonaro: Salvini conti sempre su di noi

«Congratulazioni e conta sempre su di noi, ministro Salvini». Così in un tweet il Presidente brasiliano, Jair Bolsonaro dopo l'arresto in Bolivia di Cesare Battisti. Un tweet al quale lo stesso Salvini ha voluto rispondere, rilanciandolo, con un: «Grazie di cuore presidente».