15 dicembre 2018
Aggiornato 10:30

Dopo due senegalesi, fermato anche un nigeriano per l'omicidio di Desirée

C'è un terzo fermato per l'omicidio della 16enne violentata e uccisa il 19 ottobre scorso nel quartiere romano di San Lorenzo: si tratta di Chima Alinno

ROMA – C'è un terzo fermato per l'omicidio della 16enne Desirée, la ragazza violentata e uccisa il 19 ottobre scorso nel quartiere romano di San Lorenzo. Gli agenti della Polizia di Stato della squadra mobile di Roma e del commissariato San Lorenzo hanno sottoposto a fermo un terzo uomo: si tratta di un nigeriano, Chima Alinno, di 46 anni. Per l'omicidio sono già state fermate altre due persone: due senegalesi irregolari. Proseguono le ricerche per individuare altri responsabili del delitto e in particolare, come indicato dal ministro dell'Interno Matteo Salvini, si cerca una quarta persona. Secondo quanto accertato finora i fermati, insieme all'eventuale complice ancora da individuare, nel pomeriggio del 18 ottobre avrebbero somministrato sostanze stupefacenti alla minore in modo da ridurla in stato di incoscienza e ne avrebbero poi abusato sessualmente, provocandone la morte avvenuta nella notte del 19 ottobre.