29 ottobre 2020
Aggiornato 23:30
Centrodestra | Lega Nord

Bongiorno: «Da donna del Sud vi spiego perché mi candido con Salvini»

L'avvocato sarà capolista per il Carroccio «La mia scelta non è maturata negli ultimi cinque minuti, ho condiviso con Matteo una serie di temi»

ROMA - «Io sono di Palermo, Salvini era la persona più lontana da me, poi si chiamavano Lega Nord, pensavano solo al Nord... E ancora: Salvini l'uomo forte che schiaccia le donne, tutto pensavo nella vita tranne che noi potessimo parlare... Ma quando mi esprimevo sui vari temi e mi dicevano 'attenta queste cose le dice Salvini' ho pensato: ma una cosa diventa meno interessante se la dice lui? Allora ho iniziato a parlare con lui» e di lui «mi ha colpito la nitidezza di idee e sulle regole». Lo ha detto in una conferenza stampa alla Camera insieme a Matteo Salvini Giulia Bongiorno che sarà candidata capolista con la Lega.

La mia candidatura non è maturata negli ultimi cinque minuti
«La mia candidatura non è maturata negli ultimi cinque minuti, ho condiviso con la Lega una serie di temi» e comunque «se non si è in Parlamento le cose si dicono ma non si fanno», ha aggiunto. «Ho una precedente esperienza parlamentare e di quella legislatura ricordo una cosa: la mia mano che scriveva la legge sullo stalking, se faccio un bilancio ricordo questo, quella legge è per le donne e se anche avesse evitato a una donna di morire, io già sarei ampiamente soddisfatta», ha concluso ribadendo di «essere favorevole alle regole, ai sanzioni, ai divieti, suona antico? No suona buono».