20 maggio 2019
Aggiornato 00:30
Movimento 5 stelle

Di Maio cambia idea: «Restare nell'euro e renderlo conveniente»

Il candidato premier del M5s: « L'Italia ha un peso in Europa e lo faremo sentire, ci ascolteranno. Altrimenti referendum come estrema ratio»

ROMA - Provare a cambiare le regole, per rendere la permanenza nell'euro «conveniente per l'Italia». Se non ci si riuscirà, «non sacrificheremo la ricchezza e il benessere degli italiani sull'altare dell'Euro». Perchè «la vera follia è fare finta che tutto vada bene e lasciare tutto così com'è». In un post su Facebook, Luigi Di Maio torna a precisare la posizione del MoVimento Cinque Stelle sull'euro, replicando a Matteo Renzi che aveva definito «una follia» quanto detto ieri dal candidato premier grillino.

L'obbiettivo di governo del MoVimento 5 Stelle non è assolutamente l'uscita dall'euro
«L'obbiettivo di governo del MoVimento 5 Stelle - si legge sulla pagina Facebook di Di Maio - non è assolutamente l'uscita dall'euro, ma rendere la permanenza del nostro Paese nella moneta unica una posizione conveniente per l'Italia. La nostra posizione è una scelta pragmatica, non ideologica. Il MoVimento 5 Stelle al governo porterà in Europa un pacchetto di proposte (che vi illustrerò nel dettaglio con un video). Proposte sensate e condivise anche da altre nazioni europee, proposte che solo a parole i governi precedenti hanno portato avanti visto che non hanno ottenuto alcun risultato. Noi non scherziamo. L'Italia ha un peso in Europa e lo faremo sentire, soprattutto ora che altri Paesi vivono momenti di forte incertezza politica».

"Fiducioso del dialogo con Ue"
Di Maio si dice «fiducioso nella strada del dialogo con le istituzioni europee. Sono convinto che se l'Italia fa sentire il suo peso l'Europa non farà finta di niente. È solo questione di volontà politica di cambiare le cose. Noi ce l'abbiamo. Siamo fiduciosi che non sarà necessario indire un referendum per l'uscita dall'euro che sarebbe l'ultima ratio solo e soltanto nel caso assurdo che l'Europa si dimostrasse completamente sorda a qualsiasi nostra richiesta. Noi vogliamo portare più ricchezza nelle tasche degli italiani e si può farlo restando nell'Euro accogliendo le nostre proposte. Ma se l'Europa sarà rimasta sorda a tutte le nostre richieste, non sacrificheremo la ricchezza e il benessere degli italiani sull'altare dell'Euro. La vera follia è fare finta che tutto vada bene e lasciare tutto così com'è».