Cantiere centrodestra

Salvini: «Spero che M5s la smetta con gli insulti»

Il sregretario della Lega: «Se ci fosse bisogno di un voto per cancellare la legge Fornero, questo voto ai 5 Stelle lo chiedo»

ROMA - «Prendo atto del fatto che ovunque governino, i 5 Stelle fanno solo disastri. Da Roma a Torino, da Livorno a Ragusa. Il mio obiettivo è offrire a 60 milioni di italiani il buon governo che il centrodestra garantisce in 4 regioni e mille comuni. Ribadisco che mai mi alleerò o dialogerò con Renzi, Alfano, D'Alema o la Boldrini. Se ci fosse bisogno di un voto per cancellare la legge Fornero, questo voto ai 5 Stelle lo chiedo». Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando alla Camera. «Spero - ha proseguito - che la smettano di insultare perché avanti con gli insulti l'Italia non ci va».

Casapound? Non esistono voti pericolosi
«Ogni singolo voto espresso da ogni singolo italiano ha il mio rispetto, non ritengo che ci siano voti pericolosi» ha detto il leader della Lega, interpellato dai giornalisti a Montecitorio su voti di CasaPound. «In democrazia - ha aggiunto - è bello confrontarsi, poi io ritengo che il futuro dell'Italia sia almeno per i prossimi dieci anni il centrodestra e in questo centrodestra, a differenza del passato, la Lega è determinante. Il voto dei cittadini va rispettato, punto». «Chi prende un voto in più nel centrodestra avrà l'onore e l'onere di fare il presidente del Consiglio ma non lo decido io, lo decideranno gli italiani il giorno delle elezioni», ha detto Salvini, parlando alla Camera.