24 giugno 2019
Aggiornato 17:00
Elezioni

Beppe Grillo a Palermo: voglio vincere con il 50-60%

Durante la tappa elettorale in Sicilia, Beppe Grillo ha annunciato di voler vincere le prossime elezioni politiche almeno con il 50% dei voti e ha ribadito il ruolo chiave del Movimento 5 stelle nel paese

PALERMO - Doppia tappa elettorale siciliana per Beppe Grillo volato sull'isola per sostenere i candidati del Movimento 5 Stelle alle elezioni comunali di domenica. Il leader pentastellato è intervenuto prima a Trapani e poi a Palermo per tirare la volata all'aspirante sindaco Ugo Forello. Davanti al velodromo Paolo Borsellino, Grillo ha fatto riferimento alla Legge elettorale la cui modifica è passata anche attraverso la consultazione online della base grillina: «La legge elettorale - aveva già detto - sarà votata online da tutti i nostri iscritti. Tutti i nostri iscritti, qualsiasi decisione sarà presa sulla legge elettorale». Quindi, riguardo le elezioni politiche, il leader dei Cinque stelle ha detto: «Vinciamo, ma non voglio vincere col 40%. Io mi sento perdente col 40%. Noi dobbiamo vincere minimo col 50%, col 60%. Questo potere di cambiare lo abbiamo dando il potere alle persone di non restare invisibili».

Grillo: meno male che siamo dilettanti
E ancora: «Se non ci fossimo noi a fare da cuscinetto - ha aggiunto -, saremmo come quei Paesi europei che si ritrovano in Parlamento partiti di nazisti e fascisti. La nostra è una rabbia sana». Non è mancata poi una battuta sull'ex presidente della regione siciliana Cuffaro, che in queste elezioni di Palermo ha dichiarato il proprio appoggio a Fabrizio Ferrandelli: «Voglio baciarlo sulla bocca e soffocarlo dall'interno». Infine, la chiusa di Grillo è stata una risposta a chi accusa il Movimento 5 Stelle di populismo e dilettantismo della politica: «Meno male che siamo dei dilettanti. Il dilettante è il sogno del professionista. Sbagliamo, chiediamo scusa, ma è dagli sbagli che si va avanti».