28 settembre 2020
Aggiornato 01:30
L'annuncio

Virginia Raggi si ricandiderà a sindaco di Roma: «Guardo a sinistra»

«Regola dei due mandati? Ho messo sul tavolo la mia disponibilità. In cinque anni non si può cambiare Roma, ma si può invertire la rotta. E noi l'abbiamo invertita». Il sostegno di Beppe Grillo: «Daje!»

Virginia Raggi, Sindaco di Roma
Virginia Raggi, Sindaco di Roma ANSA

«Un progetto ha bisogno di tempo, e adesso bisogna partire». Lo racconta in una intervista al Fatto quotidiano il sindaco di Roma Virginia Raggi che ieri ha annunciato in videoconferenza ai consiglieri del M5S, la sua maggioranza in Campidoglio di ricandidarsi alla guida della Capitale.

«Ne parlavo da settimane con la mia maggioranza, con il Movimento, con il mio staffe con la mia famiglia. Bisogna partire. Non c'è tempo per accordicchi o accordi di palazzo. Abbiamo passato anni a ripianare i debiti e a riparare agli errori del passato. Ora tutto ciò che avanza nel bilancio viene destinato ai servizi per i romani. Io voglio dialogare con la sinistra, ma il Pd non sa più farlo. Avrei voluto vedere i dem con me quando mi sono schierata contro CasaPound».

La regola dei due mandati

A proposito della regola dei due mandati in vigore nel M5s che le impedirebbe di ricandidarsi Raggi spiega che «tutti coloro che ho sentito mi hanno detto che apprezzano il mio lavoro e riconoscono i miei risultati, e mi hanno esortato ad andare avanti. Ho messo sul tavolo la mia disponibilità Nel frattempo c'è un dibattito sulla regola, che rispetto».

Raggi podi dice che Beppe Grillo «l'ho sentito, e credo che sia d'accordo sulla mia scelta. Davide Casaleggio vuole estendere il mandato zero anche ai sindaci per superare i due mandati». Perchè i romani dovrebbero votarla ancora, gli chiedono. «Innanzitutto, le direi di votarmi per non tornare al passato fatto di corruzione e affari loschi, a quel mondo di mezzo allargato. Poi le spiegherei che bisogna completare un percorso. In cinque anni non si può cambiare Roma, ma si può invertire la rotta. E noi l'abbiamo invertita».

Grillo: «Daje»

Beppe Grillo saluta con un «Daje» la notizia della volontà di Virginia Raggi di ricandidarsi a sindaca di Roma. Il comico e fondatore del M5s, sul suo profilo Twitter, pubblica una foto in cui è ritratto insieme alla stessa Raggi, a cui posa la mano sulla spalla. Come didascalia, Grillo scrive semplicemente l'incitamento in romanesco «Daje».

Di Maio: «Tutto M5s la sostenga»

«Virginia Raggi sta svolgendo un ottimo lavoro a Roma. Ed ha bisogno del supporto di tutto il Movimento». Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, rilanciando l'immagine accompagnata da un «Daje» con cui Beppe Grillo ha dato la sua approvazione alla ricandidatura.