19 gennaio 2020
Aggiornato 00:00
Immigrazione

Immigrazione, il video del blitz della Polizia a Milano e la protesta dei migranti

Decine di persone, quasi tutte di origine extracomunitaria, sono state accompagnate in Questura dopo essere state fermate nei pressi della stazione Centrale di Milano

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/05/20170502_video_19372612.mp4

MILANO - Sono decine le persone, quasi tutte di origine extracomunitaria, che sono state accompagnate in Questura dopo essere state fermate nei pressi della stazione Centrale di Milano dove la polizia ha effettuato un «servizio straordinario di prevenzione e controllo» degli immigrati. Un vero e proprio blitz con il supporto di un elicottero, polizia a cavallo e cani antidroga, disposto dal questore Marcello Cardona. Donne e uomini, soprattutto migranti e disperati, sono stati portati in Questura a bordo di pulmann e camionette della polizia perché trovate senza documenti o per ulteriori accertamenti.

«L'immigrazione non è un crimine»
Ecco la protesta di alcuni immigrati e cittadini italiani subito dopo l'operazione: «Avete dormito sotto i ponti di Los Angeles, in Europa, a Nizza gli italiani fanno i badanti. Non avete più giovani in Italia, sono tutti fuori perché non trovano più lavoro qui. Noi siamo venuti qui per trovare lavoro. Dovete rispettare l'immigrazione. L'immigrazione non è un crimine", sottolinea uno di loro.

«Serve tolleranza»
«Veramente ringrazio l'Italia, perché mi ha dato cose che il mio Paese non è riuscito a darmi. Ma ci vuole un po' di tolleranza. Nessuno vuole lasciare la sua terra, perché sei sempre visto male. In vent'anni non ho mai avuto una multa. Ho sempre lavorato onestamente. Però vedere trattare male la mia gente, fa male a tutti».

«Era meglio rimanere a casa nostra»
«Mi dispiace, Perché nessuno sarebbe venuto se avessero saputo che avrebbero trovato questo casino qua. Era meglio rimanere a casa nostra, Però non lo sapevamo, pensavamo all'Italia come un Eldorado.»

«Hanno lasciato la loro terra per guerra o per fame»
«Quei migranti hanno lasciato la loro terra in guerra o per fame. Hanno migrato come gli animali quando non trovano più acqua potabile».

«Meglio vederli morire che accoglierli»
«Nel momento in cui ci avviciniamo all'estate e andremo tutti a festeggiare nei porti siciliani la morte di tanti migranti. E' meglio vederli morire che accoglierli. Lasciamoli morire quest'anno, lasciamoli morire.»