20 ottobre 2019
Aggiornato 18:30

La svolta di Grillo: M5s e Alde insieme per il culto della libertà (e per contare di più)

L'Alde è un gruppo molto poco coeso dove c'è veramente di tutto, da liberali di sinistra a liberali di destra: ecco cosa ha attratto Grillo, per contare qualcosa in più

ROMA - E' la svolta di Beppe Grillo, preparata da un documento segreto del 4 gennaio: il Movimento 5 stelle all'Europarlamento abbandona il gruppo degli euroscettici dell'Ukip, destinato ad andarsene con la Brexit, e sceglie i liberali dell'Alde. La decisione, spiegata nei dettagli dal blog beppegrillo.it, è stata approvata dalla solita votazione online con il 78,5% di sì dei circa 40mila votanti. E cambia la natura stessa del movimento, come spiega il nostro corrispondente a Bruxelles, Lorenzo Consoli: "E' chiaro che è una mossa molto politica, sorprendentemente politica.

Una mossa molto politica
Una mossa politica che guarda chiaramente in modo pragmatico ai vantaggi di questa alleanza con l'Alde, il gruppo liberal democratico nel parlamento europeo». "Restare da soli, come alcuni volevano, al Parlamento europeo significa non contare assolutamente nulla perché non c'è un gruppo misto con i mezzi e gli strumenti di un gruppo vero. I non iscritti al Parlamento europeo sono deputati che non contano assolutamente nulla" osserva Consoli. Bisognava scegliere un gruppo politico nel quale entrare altrimenti i 17 deputati del movimento non avrebbero contato nulla. Data l'indisponibilità del gruppo dei Verdi, restava il gruppo Alde, il cui leader, il liberale Guy Verhofstadt, sta giocando una partita cruciale per farsi eleggere a capo dell'europarlamento. Nell'Alde, ha sottolineato Grillo, i 5 stelle avranno totale autonomia di voto.

Alde gruppo poco coeso
"L'Alde è un gruppo molto poco coeso dove c'è veramente di tutto, da liberali di sinistra a liberali di destra, penso a tedeschi e svedesi, molto di destra anche a livello economico" spiega Consoli. "Secondo me è questo che ha attratto Grillo dell'Alde: è un gruppo che non chiede coesione. L'unica cosa su cui è coeso è il culto della libertà, si tratta di liberalismo non di liberismo economico. E poi sono europeisti. Grillo con questa mossa dimostra che il Movimento 5 stelle che è molto critico nei confronti dell'euro, non è però antieuropeista. Il Movimento 5 stelle con questa mossa ricomincia o piuttosto comincia a fare politica a livello europeo, ma ci saranno probabilmente anche conseguenze a livello italiano".