19 settembre 2019
Aggiornato 14:00

Brunetta al Governo: «La scelta è tra quota 100 e RDC o l'arrivo della troika»

Il responsabile della politica economica di Forza Italia: «Altre possibilità, dice la banale matematica dei conti, non ce ne sono»

Renato Brunetta, responsabile economico di Forza Italia
Renato Brunetta, responsabile economico di Forza Italia ANSA

ROMA - «Il Governo ha tempo circa 2 o 3 giorni per riscrivere da capo il Draft Budgetary Plan e la Legge di Bilancio, se il premier Giuseppe Conte vuole incontrare il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker entro metà settimana, ovvero in tempo utile per cercare in extremis di far evitare all'Italia l'umiliazione dell'arrivo della Troika a partire dal prossimo anno. Tanti auguri. Sarà una impresa quasi impossibile». Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile della politica economica di Forza Italia.

ECONOMIA IN RECESSIONE - Brunetta adduce due ragioni per la sua valutazione: «Prima di tutto perché, per poter scrivere due documenti di quella portata, occorrono normalmente diverse settimane di lavoro da parte del Tesoro e dei funzionari di palazzo Chigi. Il Governo, questa volta, avrà invece solo poche ore di tempo per riuscire in una impresa mai provata in precedenza. Secondariamente, per poter presentare un DBP e una manovra che Juncker possa accettare, l'Esecutivo dovrebbe riscrivere completamente il quadro macroeconomico per i prossimi tre anni, con ipotesi di crescita realistiche, ovvero ipotizzando un tasso di crescita del Pil pari al +0,9% per quest'anno e del +0,5-0,8% per l'anno prossimo, considerando che, nel frattempo, l'economia italiana è entrata in recessione».

ELIMINARE QUOTA 100 E RDC - «Di conseguenza, dovrà anche riscrivere degli obiettivi di finanza pubblica compatibili sia con il nuovo quadro macro, sia con l'intento di raggiungere l'obiettivo del pareggio di bilancio strutturale nel medio termine. Per far questo, dovrà prevedere un rapporto deficit/Pil all'1,8% per il 2019 e poi a scendere nei due anni successivi fino al pareggio di bilancio (close to balance). Dopo aver riscritto questo quadro, la manovra finanziaria dovrebbe contenere saldi compatibili con gli obiettivi. A livello finanziario, l'unica possibilità per far quadrare i conti è quella di eliminare definitivamente dal testo il reddito di cittadinanza e la quota 100, in maniera strutturale. Altro che rinvii. Altre possibilità, dice la banale matematica dei conti, non ce ne sono».