16 dicembre 2018
Aggiornato 19:30

Salvini a Berlusconi: «Ragiono con la mia testa»

Il leader della Lega: «E' un grandissimo, ha fatto cose enormi». Bagnai: «Non mi risulta disaffezione elettorato del Nord»

Matteo Salvini e Silvio Berlusconi
Matteo Salvini e Silvio Berlusconi (ANSA)

ROMA - «Berlusconi ritengo sia un grandissimo, ritengo che abbia fatto cose enormi in Italia e all'estero, in politica, nello sport, nell'editoria. Però io ragiono con la mia testa». A spiegarlo è stato il vice presidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, in un'intervista a Rtl 102.5. «Ho fatto una scelta anche rischiosa di mettermi in gioco e questo farò» conclude Salvini.

Bagnai: «Non mi risulta disaffezione elettorato del Nord»
«A me sinceramente non risulta che ci sia questo problema». Lo ha detto il presidente della commissione Finanze del Senato, nonché esponente della Lega, Alberto Bagnai, a «Mezz'ora in Più» rispondendo a una domanda circa uno scollamento con l'elettorato del Nord. «Non è quello che dicono i numeri - ha aggiunto -. Sarei prudente prima di parlare di disaffezione dell'elettorato del Nord dalla Lega».

Gelmini: «Salvini rinsavisca»
«Il centrodestra unito guida benissimo le regioni e le centinaia di amministrazioni locali vinte negli scorsi mesi e negli scorsi anni. Abbiamo una cultura di governo radicata, un mix di esperienza e competenza che ci rende la prima area politica del Paese». Così Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia, in un'intervista al «Giornale di Brescia».
«In questo momento però la Lega ha, a livello nazionale, questa strana infatuazione nei confronti del M5S - ha concluso -. Speriamo che Salvini rinsavisca presto e che il centrodestra unito possa tornare nel giro di pochi mesi a Palazzo Chigi».