19 luglio 2019
Aggiornato 03:00
Cronaca

Corteo 'anti-Salvini' a Bari: scontri tra manifestanti e Casapound | VIDEO

Gli scontri al quartiere Libertà al termine della manifestazione. Due i feriti: tra loro anche l'eurodeputata di Rifondazione Comunista Eleonora Forenza

BARI - In queste immagini pubblicate qualche momento degli scontri tra attivisti di sinistra e militanti di Casapound al quartiere Libertà di Bari di ieri sera al termine della manifestazione 'Mai con Salvini'. Gli organizzatori denunciano: «Noi aggrediti». La replica di Casapound: «Hanno aggirato i controlli delle forze dell'ordine». Due manifestanti sono finiti in ospedale: una trentina di attivisti di Casapound sono stati identificati in Questura. Ovviamente è già partita la polemica con i soliti titoli: chi vede 'quelli di sinistra' come vittime da una parte; chi cavalcherà la teorie delle 'opposte fazioni' dall'altra. Noi ci limitiamo a riportare le due versioni.

Il racconto dei manifestanti
«Le cariche della polizia sono partite dopo che un gruppo di fascisti di Casa Pound ha aggredito i manifestanti di ritorno dal corteo 'Mai con Salvini'» raccontano gli organizzatori». Due i feriti: «L'eurodeputata Eleonora Forenza e il suo assistente, Antonio Perillo». Per lui è stato necessario il trasporto in ospedale dove è stato medicato con una decina di punti a seguito di una ferita di 8cm alla testa. «Eravamo un migliaio in corteo contro la visita di Salvini» spiegano gli organizzatori. «Alla fine della manifestazione, una ventina di fascisti, che sin dal pomeriggio circolavano nella zona sotto l'occhio complice delle forze dell'ordine, hanno aggredito con mazze e cinghie diverse persone, fra cui una mamma con il passeggino. All'accorrere degli altri manifestanti, la polizia si è schierata per circondarli senza in alcun modo allontanare i fascisti. Tutto questo accadeva sotto gli occhi di decine di testimoni nel Rione Libertà».

La versione di Casapound
«Questa sera (ieri, ndr)» la versione di Casapound Bari «intorno alle ore 22 a seguito del corteo 'Mai con Salvini', dopo le promesse di assalto già preannunciate nel corso della settimana sui vari social network, un gruppo sostenuto di persone ha aggirato i controlli delle forze dell’ordine sbucando nella via dove é ubicata la sede di CasaPound Italia Bari, con il chiaro intento di assaltare la sede ed i suoi militanti. Fortunatamente sono stati respinti dai nostri militanti, che presidiavano per evitare vandalismi.  Dopo le aggressioni recenti a Lega e FDI continua il clima violenza di questi impuniti dei centri sociali».