Italia | Segreteria Salvini

Salvini: «Berlusconi? Mi fido dei patti scritti»

Il Segretario della Lega: «Il patto con Juncker? Una fake news. Mio Governo chiederà all'Unione Europea dazi per difesa made in Italy»

Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini
Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini (ANSA)

MILANO - «Sì, mi fido di Berlusconi, mi fido dei patti chiari e dei programmi firmati. Se avessimo discusso davanti a un caffè, a voce... Ma abbiamo firmato un programma». Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini intervistato a Rtl 102.5. Quanto al patto che Berlusconi avrebbe offerto alla Ue, in un incontro con il presidente della commissione Jean Claude Juncker, promettendo una «Lega fuori dal governo» come spiega un retroscena su Repubblica Salvini è netto: «E' una sorta di retroscena? E' una sorta di cazzata... E' una fake news il patto con Juncker».
Verrà da Forza Italia il premier? «Se prendesse un voto in più sì, ma non credo, io penso che la Lega ne prenderà di più ed io sarò il Premier...» ha concluso.

«Mio governo chiederà a Ue dazi per made in Italy»
«Abbiamo fatto un programma scritto e firmato da tutti, sulla legge Fornero è passata la linea della Lega si parla di azzeramento, sui rapporti con l'Europa c'è scritto che ci impegniamo a difendere il made in Italy e a rivedere i trattati. I dazi? L'Ue ha già 52 dazi, io dico che come Trump difende le lavatrici e i pannelli solari, noi abbiamo il dovere di difendere i nostri prodotti, da quello che mangiamo e beviamo ai giocattoli. Quando sarò al governo andrò in Ue a dire che difendo il lavoro e la salute degli italiani: se servono dei dazi io metto dei dazi. Il governo Salvini andrà a chiedere queste protezioni all'Europa».

«Problema Italia è arroganza Islam»
«Il problema dell'Italia oggi non è il fascismo o il comunismo ma l'arroganza e l'estremismo islamico», per cui «una ricognizione di tutte le presenze organizzate islamiche in Italia è necessaria».