13 luglio 2020
Aggiornato 16:00
Congresso Fdi

Congresso Fdi, La Russa al DiariodelWeb.it lancia l'appello ai 'patrioti'

L'ex ministro della Difesa ha aperto i lavori del secondo congresso di Fratelli d'Italia nel capoluogo giuliano, dove sono confluiti 4mila delegati da tutta Italia

TRIESTE - Secondo congresso nazionale per Fratelli d'Italia che ha scelto Trieste per accogliere gli oltre 4mila delegati giunti da tutta Italia, come spiegato ai microfono del Diario del Web, Ignazio La Russa. «Per noi che abbiamo nel nome l'Italia e come tema congressuale i patrioti Trieste rappresenta l'italianità e poi è una delle città più belle del mondo». La Russa ha spiegato che lui e tutti Fratelli d'Italia sono «orgogliosi» di aver lanciato un congresso che ha come tema l'identità nazionale che si coniuga con la vita di tutti i giorni. «Per noi il patriota è colui che va al lavoro puntuale, chi si svegli al mattino presto per portare i figli a scuola, l'operaio, il professionista e l'imprenditore. Si è patrioti nel difendere la propria lingua, i propri prodotti».

Ius soli e cantiere centrodestra
L'ex ministro della Difesa ha poi toccato il tema dello Ius soli, spiegando che per Fdi essere patrioti significa concedere la cittadinanza a chi se la merita e non un qualcosa che «si regala al primo che viene». Quanto ai rapporti nel centrodestra La Russa ha rassicurato che a livello nazionale Fdi, Lega nord e Forza Italia stanno lavorando assieme per una solida alleanza, «dove però ciascuno mantiene le proprie peculiarità, anche perchè come diciamo da 5 anni siamo nati per questo».  La Russa ha sottolineato che Fdi non si è mai piegata a governi tecnici o che non si è nemmeno «seduto con la sinistra» per fare la legge elettorale, perché quando la sinistra va al governo, così come quando si creano esecutivi tecnici gli italiani ne pagano le conseguenze.