10 dicembre 2019
Aggiornato 00:30
Al primo turno alle 19 si era al 40%

Amministrative, alle 19 ha votato il 31%. Affluenza resta in calo

Si conferma in calo l'affluenza ai ballottaggi per le elezioni amministrative. Alle 19 ha votato il 30,40%, secondo i dati rilevati dal Viminale (in 103 su 111 comuni, esclusi cioè quelli di Friuli Venezia Giulia e Sicilia)

Elezioni amministrative
Elezioni amministrative ANSA

ROMA - Si conferma in calo l'affluenza ai ballottaggi per le elezioni amministrative. Alle 19 ha votato il 30,40%, secondo i dati rilevati dal Viminale (in 103 su 111 comuni, esclusi cioè quelli di Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Al primo turno, due settimane fa, alle 19 la percentuale dei votanti era stata del 40,66%. Il voto coinvolge più di quattro milioni di italiani ed è guardato con interesse dai leader politici nazionali da destra a sinistra, passando per il MoVimento Cinque Stelle.

Dove corre il Pd e il centrosinistra
Il Pd e il centrosinistra ha conquistato al primo turno Palermo e Cuneo, e è ora in corsa in altri 20 capoluoghi: Genova, Taranto, Monza, Piacenza, La Spezia, Alessandria, Pistoia, Lucca, Como, L'Aquila, Carrara, Rieti, Lodi, Oristano, Padova, Lecce, Catanzaro, Trapani, Gorizia (dove le urne chiudono alle 22 e lo spoglio sarà lunedì mattina) e Parma. In dodici di essi, però, la sinistra parte in svantaggio. 

Dove corrono destra e M5s
Il centrodestra al primo turno ha invece conquistato al primo turno Frosinone, e corre per il ballottaggio in 19 altri capoluoghi: Genova, Taranto, Monza, Piacenza, La Spezia, Alessandria, Pistoia, Lucca, Como, Asti, L'Aquila, Rieti, Lodi, Oristano, Verona, Padova, Lecce, Catanzaro e Gorizia. Per il Movimento 5 Stelle, che nelle amministrative del 2016 aveva raggiunto l'apice conquistando i Comuni di Roma e Torino, stavolta resta da puntare solo su Asti e Carrara. L'ex Pizzarotti, intanto, correrà sostenuto da una lista civica per la riconferma a Parma contro Scarpa del centrosinistra.