20 novembre 2019
Aggiornato 04:30
dopo la protesta di cgil, cisl e uil

Crisi, Zingaretti: «I sindacati hanno ragione»

E' pervenuta oggi la risposta del presidente della Regione Lazio all'appello di Cgil, Cisl e Uil che prima dell'Epifania avevano manifestato al Colosseo

ROMA - La settimana scorsa le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil si sono date appuntamento sotto l'albero di Natale al Colosseo per croticare la governance capitolina e regionale. In una lettera rivolta alle istituzioni hanno divulgato i numeri "neri" della crisi economica che ancora affligge i cittadini. Ecco la risposta del presidente Zingaretti. 

Zingaretti: La crisi non è conclusa
«Il 5 gennaio scorso i sindacati hanno avanzato la richiesta alla Regione di non distrarsi, e io sono d'accordo con loro. Nessuno si distrae. Ci sono timidi segnali di ripresa, il che non vuol dire che la crisi sia conclusa». Così il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, a margine della visita di questa mattina a Porta Futuro Città Universitaria presso l'Università di Roma La Sapienza.

C'è il rischio che si torni indietro
«Sappiamo quanto enormi siano ancora i problemi di fronte a noi, ma alcune politiche stanno ottenendo dei primi risultati. Noi non ci distraiamo, continuiamo a investire sulla ripresa, sul diritto al lavoro, sull'innovazione affinché si consolidi questa fase che per fortuna dopo anni fa anticipare ai dati del Pil e del lavoro un segno 'piu" e non un segno 'meno'» ha sottolineato. «Se non c'è questa attenzione c'é il rischio che si ritorni indietro. L'Italia ha bisogno di unità, di serenitá e in questo possiamo dare un grande contributo, perché la Regione Lazio é la seconda per Pil: se cambiamo noi, aiutiamo anche l'Italia a cambiare» ha concluso Zingaretti. (Fonte Askanews)