26 giugno 2019
Aggiornato 12:30
Legge di stabilità

Meloni: «Basta a uno Stato che pensa di fare cassa con il gioco d'azzardo»

Lo denuncia in una conferenza stampa alla Camera la presidente di Fratelli d'Italia che ha illustrato gli emendamenti del partito alla legge di Stabilità tra cui alcuni propongono l'aumento della tassazione sul gioco d'azzardo.

ROMA - «Le società del gioco d'azzardo comandano e fanno quello che vogliono in Italia»: lo denuncia in una conferenza stampa alla Camera la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, che ha illustrato gli emendamenti del partito alla legge di Stabilità tra cui alcuni propongono l'aumento della tassazione sul gioco d'azzardo. «Vogliamo dire basta a uno Stato che pensa di fare cassa con il gioco d'azzardo», ha attaccato la Meloni.

Impedita proroga su pagamento condono
In particolare negli emendamenti proposti da Fdi si prevede un aumento del prelievo erariale unico sulle slot machine e sulle videolottery. Un altro emendamento, invece, riguarda la cancellazione della proroga prevista nella manovra per il condono dei giochi on line. «Il governo - ha spiegato la Meloni - invece di adire le vie legali ha dato una proroga» per il pagamento del dovuto che «da due miliardi e oltre è stato condonato a 500 milioni ma da dare subito». Invece si è pensato a una proroga che «è una cosa surreale, noi abbiamo fatto un emendamento per dire che il condono si conclude qui e basta».