21 aprile 2021
Aggiornato 00:30
una nuova porta santa

Il 18 dicembre Papa Francesco apre la "Porta Santa della carità"

Il Santo Padre si recherà presso l'Ostello della Caritas diocesana di Roma

ROMA - «Il prossimo Giubileo della Misericordia vedrà aprirsi anche un'altra Porta Santa», lo ha ricordato il vice Presidente dell'Orp (Opera Romana Pellegrinaggi) mons. Liberio Andreatta in un incontro con Salvatore Pagliuca, presidente Nazionale Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) avvenuto nel Palazzo del Vicariato sede operativa per entrambi i due responsabili.

Una nuova Porta Santa
«Alla potentissima scelta di Papa Francesco di trasformare la porta della cella in Porta Santa per i carcerati - spiega Mons. Andreatta - si aggiungerà anche la 'Porta Santa della Carita». Sarà l'Ostello della Caritas diocesana di Roma che Papa Francesco inaugurerà il prossimo 18 dicembre. Con la Caritas e l'Orp in via Marsala ci saranno anche numerosi volontari dell'UNITALSI per accompagnare i tanti bisognosi verso la porta che li condurrà verso la Misericordia».

Cresce l'attesa per il Giubileo
La novità è stata annunciata dal Cardinale Vicario Agostino Vallini, infatti il Santo Padre, dopo aver varcato la "Porta Santa della carità" nell'Ostello intitolato a monsignor Luigi Di Liegro, storico fondatore della Caritas di Roma, visiterà anche la mensa dedicata a san Giovanni Paolo II. «Cresce l'attesa e anche l'impegno dell'UNITALSI in vista del Giubileo - ha dichiarato Salvatore Pagliuca Presidente Nazionale - soprattutto nel definire tutti i dettagli in tema di accoglienza, e per farlo ci stiamo confrontando di continuo con il Presidente dell'ORP, in modo da garantire a tutti i pellegrini che si recheranno a Roma un'assistenza adeguata fatta di amore e calore umano lungo il loro pellegrinaggio verso la Misericordia». (Fonte Askanews)