16 luglio 2020
Aggiornato 18:00
La Cisl chiede la cancellazione della riforma Fornero

Furlan: «La Consulta ci ha dato ragione»

Il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, chiede al governo di rivedere tutto il sistema pensionistico italiano perché "la riforma Fornero è la peggiore riforma pensionistica in tutta Europa". Nel frattempo, per quanto riguarda la sentenza della Consulta sulla rivalutazione delle pensioni, i sindacati esigono chiarezza.

BELLUNO (askanews) - Il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, chiede al governo di rivedere tutto il sistema pensionistico italiano perché "la riforma Fornero è la peggiore riforma pensionistica in tutta Europa». Nel frattempo, per quanto riguarda la sentenza della Consulta sulla rivalutazione delle pensioni, i sindacati esigono chiarezza.

Furlan: La Corte Costituzionale ci ha dato ragione
Per quanto riguarda la rivalutazione delle pensioni oltre i 1400 euro «ci preoccupa che occorre trovare nel Paese tante risorse» ma «la Corte Costituzionale ci ha dato ragione». Così Annamaria Furlan, segretario generale della Cisl, a margine dell'inaugurazione del sindacato a Belluno. «La Corte ha parlato molto chiaro e ha detto quello che come Cisl avevamo detto all'indomani del provvedimento e cioè che non era corretto, che non rispettava la Costituzione e che quindi non avrebbe funzionato. Drammaticamente - ha continuato Furlan - avevamo assolutamente ragione però finalmente c'è una risposta che dà un po' di equità e di riconoscimento ai tanti pensionati che in questi anni ci hanno rimesso, anche con pensioni basse». Secondo Furlan «bisogna rivedere tutto il sistema pensionistico italiano» perchè «la riforma Fornero è la peggiore riforma pensionistica non solo nel nostro Paese ma in tutta Europa e quindi bisogna rivederla e ritornare alla flessibilità di uscita. Questo - ha concluso il segretario della Cisl - garantisce la possibilità di scegliere al lavoratore tenendo anche conto della pesantezza del lavoro che uno fa e creando anche nuovi posti di lavoro».

I sindacati chiedono chiarezza
«Basta ipotesi sulle modalità di applicazione della sentenza della Consulta sulla rivalutazione delle pensioni. Comprendiamo l'esigenza del governo di approfondire la questione ma serve quanto prima un po' di chiarezza». E' quanto sottolinea il segretario generale dello Spi-Cgil, Carla Cantone. «E' per questo che rinnoviamo al ministro Poletti la richiesta di un incontro urgente con tutti i sindacati dei pensionati per capire bene che cosa si intende fare», ha aggiunto. «I sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil hanno formalizzato ieri - ha concluso Cantone - una richiesta di incontro al ministro del Lavoro, che si è detto disponibile senza aver fornito ancora una data precisa».