28 settembre 2022
Aggiornato 20:00
Leader di FdI su emergenza sbarchi

Meloni: «In Libia si deve intervenire militarmente»

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, a Genova per un'iniziativa elettorale, commenta la situazione di emergenza immigrazione che sta investendo il Paese, e afferma che «bisogna intervenire al fianco del governo legittimo di Tobruk, aiutare il governo legittimo a riprendere il controllo delle coste e dei porti», il «blocco navale è un atto di guerra ma contro i fondamentalisti».

GENOVA (askanews) - «Io penso che in Libia si debba intervenire militarmente». Così Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, a Genova per un'iniziativa elettorale, commenta la situazione di emergenza immigrazione che sta investendo il Paese. 

Al finaco di Tobruk
«Oggi secondo me bisogna intervenire al fianco del governo legittimo di Tobruk, aiutare il governo legittimo a riprendere il controllo delle coste e dei porti e quindi impedire alle barche di partire, aprendo in Africa dei centri per l'accoglienza di questi migranti nei quali valutare chi ha diritto all'asilo politico e quelli ne hanno diritto distribuirli tra i 28 Paesi dell'Unione Europea».

Blocco navale dopo intervento militare
«Il blocco navale - ha sottolineato - va fatto dopo essere intervenuti militarmente. E' un atto di guerra ma fatto contro i fondamentalisti con il governo legittimo. Spero che un intervento di questo tipo - ha aggiunto Meloni - si possa fare con l'egida delle organizzazioni sovranazionali di cui facciamo parte ma noi siamo i più esposti. Come la comunità internazionale era intervenuta quando c'era da rimuovere Gheddafi, forse è il caso -ha concluso - che intervenga anche adesso».