21 settembre 2019
Aggiornato 23:30
Corruzione

Inchiesta Mose, Fassino difende Orsoni

Il presidente dell'Anci sull'arresto del sindaco di Venezia: «Chiunque conosca la sua storia personale e professionale, non puo' dubitare della sua correttezza e della sua onestà».

TORINO - «Chiunque conosca Giorgio Orsoni e la sua storia personale e professionale, non può dubitare della sua correttezza e della sua onestà». Questo il primo commento del presidente Anci, Piero Fassino, alla notizia dell'arresto del Sindaco di Venezia, nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti per il Mose. »Siamo sicuri che la magistratura, nel compiere gli accertamenti successivi, giungerà rapidamente a stabilire la verità dei fatti, consentendo così ad Orsoni di ritornare alla sua funzione di sindaco di Venezia», aggiunge Fassino.