31 marzo 2020
Aggiornato 09:30
Siderurgia | Inchiesta Ilva

Clini: Sull'Ilva si gioca l'affidabilità del paese

La partita dell'Ilva di Taranto non riguarda solo l'azienda pugliese ma l'affidabilità del paese e la certezza di fare investimenti in Italia. Lo ha detto, a quanto si apprende, il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, aprendo il tavolo a Palazzo Chigi tra governo e parti sociali

ROMA - La partita dell'Ilva di Taranto non riguarda solo l'azienda pugliese ma l'affidabilità del paese e la certezza di fare investimenti in Italia. Lo ha detto, a quanto si apprende, il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, aprendo il tavolo a Palazzo Chigi tra governo e parti sociali, per fare il punto della situazione. La «nostra opinione - ha detto il ministro secondo quanto riferiscono fonti presenti al tavolo - è che la legge sia applicata. Abbiamo cercato di individuare soluzioni che chiariscano questo punto: se non riusciamo ad affermare che la legge è un punto fermo per i cittadini, il rischio è che cada la certezza degli investimenti».
«La partita riguarda non solo Taranto ma l'affidabilità del nostro paese».

Attuare legge risanamento - Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini ha informato il Consiglio dei ministri del programma di riunioni previste il 23 gennaio a Taranto con incontri nello stabilimento Ilva con l'azienda e con le rappresentanze dei lavoratori e, successivamente, in prefettura con i rappresentanti delle autorità e istituzioni locali.
Clini ha confermato in proposito l'impegno per la piena attuazione della legge 231 del 24 dicembre per accelerare il risanamento ambientale.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal