20 ottobre 2019
Aggiornato 03:00

Bersani lancia «Destinazione Italia»: Vicini ai problemi del paese

«La recessione in atto preoccupa la gente». Prima tappa a Palermo il 27. Non una campagna elettorale per le amministrative, ha precisato il segretario del Pd, nella conferenza stampa di presentazione ma un modo per «metterci la faccia»

ROMA - «Destinazione Italia» è il viaggio che Pier Luigi Bersani e gli altri dirigenti del Pd faranno nel paese, prima tappa Palermo il 27 febbraio, con l'obiettivo di ascoltare i problemi concreti delle varie realtà territoriali. Non una campagna elettorale per le amministrative, ha precisato il segretario del Pd, nella conferenza stampa di presentazione ma un modo per «metterci la faccia» mentre il paese vive un momento di difficoltà legato alla recessione.

La recessione in atto preoccupa la gente - «Il paese si è allontanato dal baratro finanziario, ha recuperato credibilità internazionale, ed è impegnato in Europa, Monti fa la sua parte da capo del governo ma tocca anche ai partiti - ha spiegato Bersani - perciò noi abbiamo in agenda un'iniziativa con i progressisti europei. C'è un tema economico e sociale che è molto, molto acuto, non ne siamo usciti perciò vogliamo mandare un messaggio di comprensione e di amicizia verso le difficoltà, c'è una recessione in atto e la gente è molto preoccupata sia per il lavoro che non c'è o è precario, sia per i redditi che si assottigliano con un inflazione tra il 3 e il 4%. Nei centri commerciali vendono le croste di parmigiani accessibili alle tasche dei pensionati, ci sono crisi industriali e tante piccole imprese che sono sul filo del rasoio per la liquidità che non gira».

Bersani partirà da Palermo il 27 febbraio dove incontrerà le cooperative che gestiscono i beni confiscati, la comunità di S. Egidio, gli operai di Fincantieri e concluderà con una manifestazione al Teatro Zappalà. Poi il viaggio continuerà a Milano, Roma, in Liguria, Toscana, Puglia e così via. «L'intenzione politica - ha concluso Bersani - è aiutare il governo».