23 settembre 2020
Aggiornato 05:00
Festa dei Popoli Padani

La contromanifestazione di Fli: «Bossi allucinante, intervenga il Colle»

Fiori e tricolore dai fininiani. Conte: «Il Senatur non può fare il Ministro»

ROMA - Corona di alloro e mazzi di fiori tricolore nel Piave dal Ponte della Libertà di San Donà alla contro-manifestazione di Futuro e Libertà, organizzata per fare da contro altare alla chiusura a Venezia della 'Festa dei popoli padani della Lega' che chiude la tre giorni annuale di traversata leghista del Pò.

«Le dichiarazioni del leader della Lega Umberto Bossi - ha affermato a San Donà il Vicepresidente dei deputati Fli Giorgio Conte- sono allucinanti: ancor più gravi tenuto conto che sono espressione di un Ministro, membro del governo nazionale e non di una sedicente Padania. Bossi è evidentemente pazzo, perché non si rende conto delle gravi conseguenze che le sue parole possono determinare. Ci appelliamo al Quirinale affinché ricerchi un'adeguata soluzione giuridica e costituzionale che permetta di rimuoverlo dal suo ruolo ministeriale.».