24 giugno 2024
Aggiornato 09:30
Rapporti tra Fi e mafia

Dell'Utri contro Ciancimino: siamo alla pura invenzione

Lo ha detto al Tg5 il senatore del Pdl: «E' pazzia. Nè Berlusconi nè io c'entriamo qualcosa»

ROMA - Con le dichiarazioni di Massimo Ciancimino sui rapporti tra Fi e mafia «siamo alla pura invenzione che sfiora, anzi sicuramente entra nel campo della pazzia». Lo ha detto al Tg5 il senatore del Pdl Marcello Dell'Utri intervistato dal Tg5.
«Lo Stato - sottolinea Dell'Utri - non eravamo noi. In ogni caso, a parte che non siamo lo Stato, non siamo mai stati in condizione di essere parte in questi discorsi».
«Se Ciancimino vuol parlare di cose successe veramente, si vada a cercare dove sono successe e con chi. Certamente io non c'entro niente, e non parliamo ovviamente di Berlusconi, ma proprio niente di niente. Qui siamo alla pura invenzione che sfiora anzi sicuramente entra nel campo della pazzia», conclude.