14 giugno 2024
Aggiornato 07:30
Caso Boffo

Avvenire: resta aperto un problema enorme di informazione

Titolo a tutta pagina: Feltri ora si corregge su Boffo

ROMA - Dopo le scuse di Feltri sul caso Boffo, «un problema enorme resta aperto»: è questo il titolo scelto dall'Avvenire per l'editoriale del successore di Dino Boffo nell'edizione odierna, che - fatto unico - apre con un titolo a tutta pagina: «Feltri ora si corregge su Boffo».

ATTO DI RIPARAZIONE - Quello di Feltri, ammette Marco Tarquinio, «è un gesto che impressiona, interroga e fa rumore. Come tutti quelli che l'avevano preceduto, eppure in modo infinitamente migliore». Tuttavia, «un atto di riparazione dopo una smisurata operazione denigratoria è stato, in qualche modo, compiuto, ma un problema enorme resta aperto»: «Oggi più che mai noi giornalisti dobbiamo avere il coraggio di ammettere che il più lancinante dei problemi che attanagliano il mondo dell'informazione non è quello della libertà, ma quello della responsabilità».

E se Boffo - si domanda il neodirettore del quotidiano dei vescovi - «ha potuto ricevere pubblica soddisfazione (domani capiremo fino a che punto) dal pubblico ripensamento di Feltri», «chi non è altrettanto forte moralmente, chi è solo e disperato, chi non è conosciuto da tanti per ciò che davvero è, chi non è in condizione di ottenere (o anche solo aspirare a ottenere) riparazione nel sommario «tribunale» dei mass media? E' una domanda ancora senza accenno di risposta».