15 dicembre 2019
Aggiornato 21:30

Cicchitto: «D'Alema fa ridere se identifica la democrazia con il sistema delle preferenze»

«Su questa base, allora non c’è democrazia in Germania, Francia, Spagna, Inghilterra, Polonia»

«D’Alema si da’ involontariamente la zappa sui piedi: se Forza Italia non e’ mai stato un partito, se il PDL oggi e’ inesistente, se Berlusconi e’ la quintessenza dell’autoritarismo, allora cosa e’ il suo Pd che ha subito da tutti questi pessimi soggetti una sonora sconfitta elettorale? L’identificazione della democrazia con il sistema delle preferenze e’ una totale mistificazione». Lo ha affermato Fabrizio Cicchitto, presidente dei deputati del PDL, che ha spiegato:

«Su questa base, allora non c’e’ democrazia in Germania, Francia, Spagna, Inghilterra, Polonia; non e’ democratica la Toscana dove proprio il Pds ha proposto, a suo tempo, una legge regionale senza preferenze. D’Alema provoca ilarità quando afferma che il problema dei rifiuti a Napoli non e’ stato risolto da Berlusconi, ma con il concorso di tutti. Gli italiani hanno avuto modo di vedere come il centrosinistra, a livello nazionale e locale, aveva ridotto Napoli. Per ciò che riguarda l’Alitalia, D’Alema dimentica che la soluzione Air France non e’ fallita per colpa di Berlusconi, ma per il mancato accordo tra l’azienda francese e i sindacati.

Oggi si tratta di ripartire da zero, da un’azienda al limite del fallimento, per cui in primo luogo e’ indispensabile che scendano e rimangano in campo imprenditori che si assumano il rischio di fare una nuova società per il trasporto aereo. Infatti, il primo obiettivo e’ di salvare l’azienda, altrimenti si gioca la linea del tanto peggio tanto meglio. Se il Pd giocasse questa carta si assumerebbe gravissime responsabilità, ma ci auguriamo che, al di là di queste inventive dozzinali tratte da un antico repertorio che conosciamo benissimo, prevalga il senso di responsabilità».