26 febbraio 2021
Aggiornato 02:30
Digitale

PEC per privati: perché può essere

La posta elettronica certificata è uno strumento che viene utilizzato non solo tra i professionisti che operano nel mondo del lavoro, ma anche e soprattutto tra i privati

Posta elettronica certificata
Posta elettronica certificata Pixabay

La posta elettronica certificata è uno strumento che viene utilizzato non solo tra i professionisti che operano nel mondo del lavoro, ma anche e soprattutto tra i privati, ovvero tra coloro che non la usano (esclusivamente) per questioni di lavoro. Anzi, secondo alcune statistiche, pare che la casella di posta elettronica certificata venga utilizzata maggiormente proprio dai privati

Perché i privati utilizzano la posta elettronica certificata

Sono davvero svariati i motivi che spingono i privati ad aprire una propria casella di posta elettronica certificata. La PEC privati infatti è necessaria se si ha intenzione di partecipare ad un concorso bandito dalla Pubblica Amministrazione ad esempio, oppure se si ha intenzione di presentare un’istanza di accesso civico generalizzato. In questi casi infatti è necessario attivare una PEC per i privati in modo da inviare e ricevere documenti in modo certo e sicuro. In generale la PEC occorre ai privati per qualsiasi comunicazione alla Pubblica Amministrazione.

Vantaggi della PEC

I vantaggi di possedere una PEC per i privati sono davvero molteplici, innanzitutto è possibile dire addio all’ormai vetusta raccomandata con relata di notifica. La mail inviata a mezzo PEC infatti ha un vero e proprio valore legale il che significa che in caso di controversie può essere opposta a terzi. Avere una PEC quindi evita di perdere tempo allo sportello postare per inviare la raccomandata. Questo implica inevitabilmente anche un risparmio di denaro, il costo di una PEC in media equivale al costo di una raccomandata.

Differenze tra PEC e casella di posta elettronica tradizionale

Esistono notevoli differenze tra una casella PEC e una casella tradizionale, i messaggi inviati mediante la posta elettronica certificata infatti passano attraverso dei particolari server che utilizzano dei protocolli di trasmissione sicuri il che rende super protetto il contenuto delle proprie mail (sia inviate che ricevute). Per garantire il massimo delle prestazioni, i server citati devono essere sottoposti ad una speciale regolamentazione che pretende standard elevatissimi. Solo in questo modo è possibile ottenere il cosiddetto effetto legale delle mail inviate a mezzo PEC. Pragmaticamente, nel momento in cui si invia un messaggio da una casella PEC ad un’altra casella PEC, il mittente, nel caso in cui l’invio vada a buon fine, riceve una vera e propria ricevuta di accettazione e di avvenuta consegna. Nel caso in cui il medesimo messaggio venga inviato da una casella PEC ad una semplice casella di posta elettronica, il mittente potrà ricevere esclusivamente la ricevuta di accettazione ma non riceverà mai quella di avvenuta consegna il che esclude l’effetto legale.

Come scegliere il gestore adeguato per la propria PEC

Oggi esistono svariati gestori che permettono agli utenti di aprire in pochissimi minuti il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, prima di farlo però è consigliabile valutare attentamente i costi che ruotano attorno alla stessa e i servizi accessori offerti. Prima di sottoscrivere il contratto inoltre, è sempre consigliabile individuare il pacchetto maggiormente in linea con le proprie esigenze. Ad esempio, se non si ha la necessità di avere un grande spazio di archiviazione, è inutile attivare il pacchetto «plus», «premium» a seconda della diversa terminologia utilizzata dai gestori.