7 aprile 2020
Aggiornato 09:30
Sicurezza informatica

Malware sotto forma di falsi certificati di sicurezza: la scoperta di Kaspersky

Victoria Vlasova, security expert di Kaspersky: «si tratta di attacchi che prendono di mira siti web legittimi che l’utente probabilmente ha già visitato e conosce»

Sicurezza informatica
Sicurezza informatica Pixabay

MILANO - I ricercatori di Kaspersky hanno scoperto un nuovo metodo di distribuzione dei malware: sotto forma di falsi certificati di sicurezza. Quando gli utenti tentano di entrare in un sito infetto, appare un iframe che indica che il certificato di sicurezza del sito è scaduto e che la connessione non può essere completata. Per poter procedere si consiglia di installare un nuovo certificato. Tuttavia, ciò che viene effettivamente installato sul computer della vittima è un malware.

Sfruttando questo metodo di attacco, fino ad oggi, sono stati scaricati due tipi di Trojan: Mokes e Buerak. Il primo fornisce un accesso al dispositivo della vittima attraverso una backdoor, mentre il secondo scarica un ulteriore malware sul dispositivo infetto. L’uso di falsi certificati di sicurezza è una novità di fronte alla quale i ricercatori di Kaspersky si sono imbattuti per la prima volta quest’anno. In passato i criminali informatici avevano utilizzato gli aggiornamenti di applicazioni legittime come mezzo per diffondere il malware ma mai falsi certificati di sicurezza.

«Le persone sono particolarmente inclini a cadere nella trappola di questo tipo di minaccia perché si tratta di attacchi che prendono di mira siti web legittimi che l’utente probabilmente ha già visitato e conosce. Inoltre, l'indirizzo indicato nell'iframe è, di fatto, il vero indirizzo del sito web. L’utente è quindi incentivato ad «installare» il certificato raccomandato per poter visualizzare il contenuto desiderato. Tuttavia, gli utenti dovrebbero sempre essere prudenti quando viene richiesto di scaricare qualcosa da una fonte online, è possibile che non sia davvero necessario», ha dichiarato Victoria Vlasova, security expert di Kaspersky.

Gli esperti di Kaspersky raccomandano:

  • Controllare il formato dell'URL e l'ortografia del nome della società
  • Digitare manualmente l'indirizzo del sito web nel browser invece di accedervi tramite un link
  • Utilizzare una soluzione di sicurezza come Kaspersky Security Cloud per proteggersi dalle minacce informatiche

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal