Innovazione | Bitcoin

Hacker attaccano l'Asia, bitcoin crolla sotto i 6mila dollari

La fragilità del sistema e la probabilità che un furto simile possa verificarsi anche su altre piattaforme ha fatto crollare bitcoin

Hacker attaccano l'Asia, bitcoin crolla sotto i 6mila dollari
Hacker attaccano l'Asia, bitcoin crolla sotto i 6mila dollari (Shutterstock.com)

MILANO - Durante questo week end bitcoin ha perso più del 10% del suo valore, arrivando a sfiorare quota 67000 dollari. Una caduta in picchiata considerando che solo sei mesi fa, a dicembre, aveva toccato i 20mila dollari. A causare questa drastica perdita di valore è stato, probabilmente, un imponente attacco hacker avvenuto in Corea del Sud.

La piattaforma di scambio Coinrail ha affermato che i suoi server sono stati hackerati domenica e che vi è stato un furto di criptovalute per un valore di 40 milioni di dollari. Il furto in questione non ha riguardato bitcoin, ma altre criptovalute. Sono stati rubati circa 19,5 milioni di dollari di NPXS, una criptovaluta emessa da una società (Pundi X), 13,8 milioni di dollari di Aston X, 5,8 milioni di dollari di Dent e 1,1 milioni di dollari di Tron. Tutte monete virtuali più piccole di bitcoin, ma non per questo meno importanti.

La fragilità del sistema e la probabilità che un furto simile possa verificarsi anche su altre piattaforme di scambio ha, probabilmente, dato il via libera al ribasso. Non è la prima volta, nel corso del 2018, che il bitcoin scende sotto la soglia dei 7mila dollari. In realtà, il minimo dell'anno era stato raggiunto a fine marzo, a quota 6620 dollari, un livello non lontano dal minimo odierno.