16 novembre 2018
Aggiornato 11:30

Facebook ha condiviso i tuoi dati con i produttori di smartphone

Facebook avrebbe avuto partnership per la condivisione dei dati con almeno 60 produttori di dispositivi tra cui Apple, Microsoft, Amazon, Samsung e Blackberry
Facebook ha condiviso i tuoi dati con i produttori di smartphone
Facebook ha condiviso i tuoi dati con i produttori di smartphone (Foto d'archivio)

ROMA - Secondo quanto riporta il New York Times, Facebook avrebbe avuto per diversi anni partnership per la condivisione dei dati con almeno 60 produttori di dispositivi tra cui giganti tecnologici come Apple, Microsoft, Amazon, Samsung e Blackberry. Facebook ha concesso a terzi l'accesso alle aziende per estrarre i dati personali degli utenti prima che le sue applicazioni fossero rese disponibili per i dispositivi iOS e Android.

Vale la pena notare che l'azienda di social media aveva già affermato che le attività di condivisione dei dati con sviluppatori terzi si era interrotta nel 2015: tale interruzione non sarebbe, tuttavia, avvenuta per i produttori di dispositivi elettronici. Anche se 22 di questi accordi sono stati chiusi in seguito allo scandalo di Cambridge Analytica, alcuni di essi sono ancora in vigore. Per Facebook si tratterebbe di «usi strettamente limitati dei dati».

La quantità di dati condivisi al momento non è chiara, ma l'accesso privato ai dati ha permesso ad aziende come Apple di offrire molte funzionalità di Facebook agli utenti, come la possibilità di pubblicare foto direttamente dal proprio dispositivo senza aprire l'applicazione Facebook. Il New York Times ha anche scoperto che questi accordi di condivisione dei dati hanno permesso alle aziende di accedere alle informazioni personali degli utenti, come lo stato delle relazioni, storia del lavoro, compleanni, opinioni religiose e politiche, e anche le informazioni degli amici degli utenti di Facebook.

La cosa peggiore è che i produttori di dispositivi hanno potuto accedere ai dati anche di quegli amici che avevano bloccato Facebook dalla condivisione delle loro informazioni personali con terze parti. Secondo Facebook, tali partenariati per la condivisione dei dati erano diversi dall'accesso dato agli sviluppatori, mentre i produttori di hardware sarebbero considerati «estensioni» del social network.

Naturalmente Facebook, nel suo blog ufficiale, ha negato le accuse fatte dal New York Times. L'azienda ha anche detto che i loro «partner non possono integrare le funzionalità Facebook dell'utente con i loro dispositivi senza il permesso dell'utente» e che «le informazioni degli amici, come le foto, sono accessibili solo sui dispositivi quando le persone hanno preso la decisione di condividere le loro informazioni con gli amici».