Innovazione | Assistenti virtuali

Pronto? C'è Google (Duplex) al telefono

Google ha presentato Duplex, un'intelligenza artificiale sbalorditiva che può chiamare e effettuare prenotazioni telefoniche al nostro posto

Pronto? C'è Google (Duplex) al telefono
Pronto? C'è Google (Duplex) al telefono (Shutterstock.com)

MILANO - Più la tecnologia avanza, più diventa chiaro che i nostri smartphone non sono più una questione di conversazione, ma di trasferimento di informazioni. E’ lontano il tempo in cui li usavamo solo per mandare messaggi e fare telefonate. Oggi rappresentano l’estensione di noi stessi, un po’ chi siamo e cosa svolgiamo durante la nostra giornata. Un’evidenza venuta fuori soprattutto nel keynote I/O di Google, dove l'azienda ha svelato che la sua intelligenza artificiale può addirittura fare telefonate per noi, prenotare un appuntamento al centro estetico per un taglio veloce ai capelli o un ristorante, meglio nel dehor, se c’è posto. La demo è stata sbalorditiva, sia per il suono umano di questa chatbot di livello superiore, sia per la distopia del mondo con i nostri robot che invadevano le linee telefoniche.

Lui, l’assistente virtuale, si chiama Duplex. Sicuramente non lo potrete utilizzare per chiamare vostra madre tutte le sere prima di andare a dormire, ma solo per fissare prenotazioni. Almeno al momento. Quando si parla di Google e di intelligenza artificiale, è sempre bene prendere in considerazione il concetto di «temporaneità». Non sappiamo esattamente quali saranno gli sviluppi da qui ai prossimi mesi. A differenza degli assistenti di voce che abbiamo imparato a conoscere e amare, Duplex ha un suono molto simile a quello dell’uomo: il sistema tradisce appena il suo lato robotico, parlando senza problemi come chiunque abbia una solida padronanza della lingua inglese (fa anche gli errori tipici o le pause che fanno gli uomini).

«La tecnologia Google Duplex è costruita per suonare naturale, per rendere confortevole l'esperienza di conversazione», ha scritto Yaniv Leviathan, responsabile del progetto, e Yossi Matias, responsabile dell'ingegneria, in un annuncio sul blog. Un compito più facile da dire che da fare. Nel discorso spontaneo, la maggior parte delle persone parla più velocemente e meno chiaramente: di solito usa frasi più complesse rispetto a una macchina. Così il riconoscimento vocale risulta più difficile.

Al netto di questi potenziali difetti, Duplex è costituita da un nucleo centrale che è una rete neurale ricorrente, addestrata su una raccolta di dati di conversazione telefonica resi anonimi; la RNN utilizza l'output della tecnologia di riconoscimento vocale automatico (ASR) di Google, oltre ad altre funzioni. Secondo Google il sistema è in grado di effettuare conversazioni sofisticate e svolge la maggior parte dei suoi compiti in piena autonomia, senza coinvolgimento umano. L'auto-monitoraggio integrato consente a Duplex di riconoscere le attività al di fuori della sua programmazione di competenza e di etichettare un operatore umano. Come sempre, Google non limita il suo servizio a un solo gruppo di utenti: le aziende possono beneficiare di Duplex consentendo ai clienti di prenotare tramite Google Assistant, mentre i clienti possono chiamare le aziende per informarsi sulle informazioni o un appuntamento.

Sicuramente qualcosa di realmente fuori dalla nostra portata, praticamente impossibile da immaginare fino a qualche anno fa. Ma che pone delle domande: da quando gli operatori umani (di servizi) sono diventati delle «cavie» per sperimentare l’intelligenza artificiale? Duplex potrebbe in qualche modo distruggere l’interazione che abbiamo con gli esseri umani. Forse davvero un giorno (anche non troppo lontano) potrà chiamare vostra madre al posto vostro. Nel frattempo potrete scollegarvi completamente dalle imprese e anche abusare di quelle più piccole. Se è semplice dire a Google Duplex di fissare un appuntamento, è altrettanto facile riprogrammare costantemente o non presentarsi del tutto perché non c'è alcun collegamento tra voi e il lavoratore umano che ha preso il telefono per organizzare la prenotazione. Non ti senti male per il numero di richieste e modifiche quando qualcuno (o qualcos'altro) lo sta facendo per te.

Per molti versi, la tecnologia ha allargato il divario tra ricchi e poveri e ha aumentato il comportamento che l'uno trasuda verso l'altro. Questo non è mai stato più chiaro di quando l'ex CEO di Uber, Travis Kalanick, è stato sorpreso a rimproverare un driver sulla sua piattaforma per aver chiesto perché i prezzi di UberBlack fossero scesi. Quando si pensa all'economia on-demand proprio così - qualcosa che si ottiene on-demand, indipendentemente da chi lo adempie fino a quando si sta pagando - è più facile dimenticare i dipendenti sottopagati che lavorano tutto il giorno per realizzare i nostri desideri.

Google sta presentando Duplex come un modo per promuovere il Time Well Spent (avere più tempo libero. Ma per chi?) e ridurre i problemi di barriere linguistiche in modo che tutti noi possiamo essere liberi di interagire con il mondo al di fuori dei nostri schermi digitali. Questo è un lato ottimistico dello spettro. In realtà, è più probabile che questa tecnologia, come altre prima di essa, ci incoraggerà solo ad allontanarci. E rimanere soli.