11 dicembre 2019
Aggiornato 14:00
food innovation

Sette cibi hi-tech che troveremo nei nostri piatti

Le tecnologie cambiano il nostro modo di mangiare e anche come i i cibi vengono prodotti

Memphis Meat
Memphis Meat Shutterstock

MILANO - Che si tratti di consegna col drone, ricette create dall’AI o robot che lavorano in cucina, l'alta tecnologia sta cambiando il mondo della preparazione e della consegna dei cibi così come li conosciamo. Ma che dire del prodotto alimentare stesso? Dopo tutto, sono già molti gli e-commerce (anche messi in piedi da italiani, ndr.) che tentano di vendere nuovi prodotti alimentari, magari basati su insetti. Pure Ikea, di recente, ho proposto un nuovo menù (per ora solo sulla carta) con l’uso di nuovi alimenti come vermi e alghe. Ora, in che modo la tecnologia sta cambiando ciò che mettiamo nei nostri piatti? Vi abbiamo fatto sette esempi di come potrebbero essere i nostri pasti futuri.

Carne di laboratorio
Non si può vedere la parola «azienda alimentare all'avanguardia» senza parlare di Memphis Meat. La startup crea carne di laboratorio che viene prodotta mettendo le cellule animali viventi in vasche di bioreattore, nutrite con ossigeno, zuccheri e minerali fino a quando non crescono. Il risultato? Carne che sembra e, cosa più importante, ha il sapore della carne reale, ma senza dover uccidere gli animali per crearla. Finora, le creazioni dell'azienda hanno incluso polpette di carne, pollo e anatra coltivati in laboratorio. E 'ancora troppo costoso arrivare a un prodotto di uso commerciale, ma il costo è in procinto di abbassarsi notevolmente nei prossimi anni. E potrebbe essere sugli scaffali dei supermercati, almeno quelli americani, intorno al 2021.

Memphis Meat
Memphis Meat (foto d'archivio)

Gamberetti di alghe
Vuoi mangiare come un Googler? Se è così, puoi essere interessato a degustare i gamberetti che sono stati precedentemente serviti presso la caffetteria del gigante del ricerca. Mentre sembrano avere forma e gusto dei gamberi normali, in realtà sono fatti di alghe rosse e sono stati appositamente progettati da una startup biotech di San Francisco, New Wave Food. Questi gamberetti, in più potrebbero sostentare anche altre specie animali come delfini in via di estinzione, tartarughe e squali. Ottimo, no?

Gamberetti di alghe
Gamberetti di alghe (Foto d'archivio)

Burger vegetariani che sanguinano
Qualcosa che potrebbe sconvolgere i vegetariani che bevono latte di soia: hamburger vegetariani che sanguinano. La carne in questione, però, è fatta senza animali grazie alla startup Impossibile. Non solo hanno un gusto più sostanzioso rispetto alle normali patatine di verdure, mentre non contengono colesterolo, ormoni o antibiotici, ma addirittura sanguinano come la carne vera (forse troppo). Gli hamburger sono attualmente in vendita. Secondo i suoi creatori, l'Impossibile Burger richiede solo un quarto dell'acqua utilizzata per produrre lo stesso hamburger da una mucca, un ventesimo della terra, e un ottavo delle emissioni di gas a effetto serra.

Chips di medusa
Chips di medusa, grazie al lavoro  svolto da un fisico danese presso l'Università della Danimarca meridionale. «Abbiamo sviluppato un modo per mangiare le meduse ispirandoci a come si comportano i gel nei diversi solventi - ha detto -. Quando immergiamo le meduse in etanolo al 96 per cento osserviamo come il gel delle meduse collassa, in linea con le teorie relative ai gel. Dopo 2 o 3 giorni possiamo poi far evaporare l'alcool e ottenere questa chip di medusa simile alla carta». Come per gli altri alimenti di questa lista, la sostenibilità è il nome del gioco. Le meduse sono abbondanti rispetto a molte altre popolazioni di frutti di mare sovrasfruttate dell'oceano. Sebbene non ci sia commercializzazione nell'immediato, questa potrebbe essere una grande fonte alternativa di cibo in futuro.

Chips medusa
Chips medusa (Foto d'archivio)

Gli insetti
Parlando di cibo sostenibile un po' insolito, Entocycle, azienda britannica, vuole farci mangiare un po' di larve, o più precisamente le larve delle mosche nere dei soldati. Per allevarli, la startup sta utilizzando alcune tecnologie all'avanguardia, come la coltivazione in baccelli intelligenti che raccolgono analisi costanti sugli insetti e sul loro sviluppo. Mentre a breve termine Entocycle si sta concentrando sul mercato dei mangimi, a lungo termine prevede di espandersi anche nel mercato della dieta umana. «Una volta che le persone avranno superato il fattore ‘schifo’, atteggiamento prevalente solo in Occidente, allora non ci sarà niente che impedisca agli insetti di entrare a far parte della dieta regolare e sana di una persona - ha detto il CEO Keiran Olivares Whitaker -. Ci vorrebbe un grande cambiamento negli atteggiamenti e nei comportamenti».

Le alghe
Ti preoccupa tenere un piatto di larve di mosca nello stomaco? Nessun problema: si potrebbe semplicemente lavare con una tazza tiepida di alghe geneticamente modificate. È su questo che hanno lavorato ricercatori dell'Università della California, di San Diego e dell'azienda di energie rinnovabili Sapphire Energy - e potrebbe rivelarsi la risposta che gli agricoltori sostenibili stanno cercando. «Possiamo coltivare alghe su terreni non arabili utilizzando acqua non potabile o addirittura acqua salata - ha detto Stephen Mayfield, direttore del California Center for Algae Biotechnology di UCSD -. Le alghe sono anche più produttive delle piante coltivate, per cui possiamo produrre proteine, di cui il mondo ha davvero bisogno, in modo più efficiente, e smettere di tagliare la nostra foresta pluviale per coltivare soia». Inoltre, può essere utilizzato anche come biocarburante.

Stampa 3D
Gli alimenti stampati in 3D sono una categoria più ampia di qualsiasi altra su questa lista, ma nessuna lista di tecnologie alimentari all'avanguardia dovrebbe esserne priva. Sono disponibili diverse stampanti 3D per alimenti, come la ChefJet di 3D Systems, che cristallizza sottili strati di zucchero a grana fine in diversi formati, o la stampante 3D del pastificio Barilla, che crea tagliatelle utilizzando acqua e farina di semola. Mentre la stampa 3D con i cibi è ancora relativamente nuova, a lungo termine dovrebbe permettere di progettare nuovi pasti squisiti che non sarebbero possibili in nessun altro modo. Inoltre, chi non vorrebbe tornare a casa dall'ufficio, e stampare solo il pasto di quella sera, senza dover faticare in cucina per farlo?