21 settembre 2018
Aggiornato 01:30

Accordo Facebook Warner Music: più musica sui social network

Facebook ha firmato un ampio accordo di licenza che copre tutti i cataloghi musicali registrati e pubblicati da Warner Music
Accordo Facebook Warner Music: più musica sui social network
Accordo Facebook Warner Music: più musica sui social network (Shutterstock.com)

MILANO - A poche settimane di distanza dalla firma di un ampio accordo di licenza con ICE, il principale rappresentante di etichette discografiche, Facebook ha continuato la sua marcia nel mondo della musica. Ha così stretto la mano a Warner Music Group, l'ultima grande etichetta che non stava ancora lavorando con il social network.

Facebook ha firmato un ampio accordo di licenza che copre tutti i cataloghi musicali registrati e pubblicati da Warner Music. La musica da questi brani può ora essere utilizzata su Facebook, Instagram, Messenger e Occulus. (WhatsApp per ora non è incluso.) La lista degli artisti della stalla Warner è massiccia: comprende nomi iconici come Aquile e Madonna prima del 2010 fino a Ed Sheeran, Nina Simone e Jay-Z.

Facebook ha lavorato per mesi su una politica di licenze musicali più completa. Alcuni credono che si stia preparando a fare un passo più grande nei servizi musicali stessi. Warner è stato l'ultimo grande passo tra le tre case discografiche più grandi del mondo, insieme a Sony e Universal Music, che non hanno ancora firmato il contratto per lavorare con Facebook. Si tratta di un accordo molto importante: significa che Warner Music sarà ora in grado di raccogliere royalties su brani che vengono utilizzati in video e messaggi; e quelli che pubblicano contenuti su Facebook e la sua rete di siti sociali lo faranno in modo giuridicamente chiaro. Per ora, questo riguarda solo il contenuto organico degli utenti, ma sembra che i due studieranno anche come inserirlo nella pubblicità e in altri messaggi a pagamento.

Nell'ambito della partnership, WMG e Facebook continueranno a lavorare insieme per sviluppare nuovi prodotti che consentano agli utenti di personalizzare le proprie esperienze musicali su Facebook, Messenger, Instagram e Oculus. «La nostra partnership con Facebook contribuirà a espandere l'universo dello streaming musicale e a creare entrate supplementari per gli artisti - ha dichiarato Ole Obermann, Chief Digital Officer di Warner Music Group -. Il video creato dai fan è uno dei modi più personali, sociali e spesso virali di fruire della musica, ma il suo potenziale commerciale è in gran parte non sfruttato. Questa collaborazione porterà a nuove possibilità per i nostri artisti, migliorando al tempo stesso l'esperienza utente su Facebook, Instagram e Oculus, e consentendo alle persone di comunicare ed esprimersi usando la musica che amano».

Questa è l'ultima di una serie di partnership musicali che Facebook ha firmato negli ultimi mesi. Altri includono un accordo con Universal Music Group sui video generati dagli utenti, un accordo con Sony/ATV e un accordo di licenza con Kobalt, HFA/Rumblefish e Global Music Rights.

Facebook ha finora rifiutato di commentare le sue ambizioni a lungo termine nel mondo della musica, ma si è a lungo detto di essere interessato a costruire il proprio servizio di streaming, sulla falsariga di Spotify, Pandora e Apple Music. Più in generale, mentre Facebook ha dovuto affrontare un calo nella crescita degli utenti in mercati maturi, sta cercando altri modi per coinvolgere gli utenti che già ha, in concorrenza con una pletora di servizi di social media rivali e decine di altre distrazioni digitali, da Netflix ai giochi per combattere con i tuoi elettrodomestici intelligenti.