18 novembre 2019
Aggiornato 04:30
e-commerce

Così anche Pam consegnerà la spesa a domicilio: è la sfida dell'ultimo miglio

I clienti di Pam potranno ordinare la spesa online e vedersela consegnata direttamente a casa

Così anche Pam consegnarà la spesa a domicilio: è la sfida dell'ultimo miglio
Così anche Pam consegnarà la spesa a domicilio: è la sfida dell'ultimo miglio Shutterstock

MILANO - La sfida è nel mondo della grande distribuzione, dove i supermercati si alleano con le startup, per essere più veloci e competitivi e per arrivare direttamente a casa del cliente. La tecnologia ha accorciato gli spazi e i tempi: la spesa la puoi fare davanti al frigorifero di casa, con lo smartphone, stando ben attento a non dimenticare niente. Altroché casse al supermercato. Dopo che Coop Alleanza 3.0 ha messo a punto il suo piano di espansione nazionale per portare i prodotti Coop a domicilio, un altro colosso abbraccia l’ondata tecnologica. Il Gruppo Pam si allea con Supermercato24, la famosa startup per la spesa online a domicilio.

I clienti delle città di Milano, Bologna e Padova (a Bologna e Padova è, peraltro, già attivo il servizio di EasyCoop, ndr.) potranno ricevere la spesa direttamente a casa, in giornata o anche entro un’ora, agli stessi prezzi del punto vendita scegliendo tra un vasto assortimento di oltre 5.600 referenze presenti sulla piattaforma, tra prodotti freschi, salumi, prodotti tipici del territorio e un’ottima selezione di prodotti «take away». A fare la spesa sarà un vero e proprio personal shopper (sono coloro che fanno parte della startup Supermercato24), i quali - dopo aver riempito le buste con l’occorrente - le consegneranno direttamente nelle mani del cliente, entro l’orario concordato dallo stesso. Al cliente basta avere uno smartphone a portata di mano e selezionare sulla piattaforma gli alimenti che desidera.

Un vantaggio per i clienti del Gruppo Pam e un «mattoncino» in più per Supermercato24 , uno dei primi 3 e-commerce grocery in Italia (ha chiuso il 2017 triplicando i suoi volumi di vendita). E un accordo che sicuramente rappresenta un trend sempre più crescente nel mercato alimentare di oggi, laddove quest’anno il mercato online del 'food & grocery' (prodotti alimentari da supermercato) ha raggiunto un valore di 812 milioni di euro, in crescita del 37% rispetto al 2016. L’alimentare, in particolare, ha raggiunto l’87% del valore di mercato pari a 708 milioni di euro. Di questi, circa 200 milioni sono coperti dalla ristorazione, che segna un tasso di crescita doppio, pari al 66%, rispetto alla media del comparto (+37%).  L’acquisto online dei prodotti da supermercato, in particolare, ha generato un valore di mercato pari a 240 milioni di euro.

Malgrado l’alimentare sia la prima voce di spesa nel paniere degli acquisti dei consumatori italiani, l’e-commerce, in questo comparto, non è ancora sufficientemente sviluppato nel nostro Paese. A cambiare questi dati, per l’anno in corso, potrebbero essere proprio i colossi della grande distribuzione, sempre più inclini a operazioni di opere innovation, integrando startup e nuove soluzioni tecnologiche.