24 ottobre 2020
Aggiornato 19:30
apple

Perchè Apple potrebbe comprare Netflix nel 2018

La possibilità che Apple decida di comprare Netflix non sono così improbabili. Del resto Apple sta cercando da tempo di offrire servizi televisivi

MILANO - Secondo gli analisti di Citi Jim Suva e Asiya Merchant c’è una probabilità pari al 40% che Apple acquisisca Netflix dopo la riforma fiscale messa a punto dal governo di Donald Trump. Il taglio delle imposte sulle aziende, insieme alla tassazione ridotta per far rientrare negli Stati Uniti i profitti generati all’estero, faranno sì che Apple abbia nelle proprie mani una liquidità ingente, circa 252 miliardi di dollari.

In base a questa liquidità gli analisti Suva e Merchant hanno ipotizzato quelle che potranno essere le probabili acquisizioni di Apple nel prossimo anno. Secondo le loro analisi Netflix sarebbe la prima società ad essere comprata dalla Mela morsicata, con un 40% di probabilità, seguita dalla Disney, le cui probabilità di essere acquisita scendono al 20-30%. Per gli analisti esiste poi una probabilità su 10 che la compagnia di Cupertino rilevi Electronic Arts, Activision o Take-Two, mentre è stimata intorno al 5% la probabilità che Apple compri la Tesla di Elon Musk.

Del resto Netflix ha una capitalizzazione di «appena» 83 miliardi di dollari. E si tratta del valore delle sue azioni. Quello nominale, almeno stando ad analisti come Jim Cramer, potrebbe anche essere più elevato. Ipotesi per ora campate in aria, in un senso o nell’altro. Quanto ad Apple, il suo interesse nell’offrire servizi televisivi, è ormai noto. Per anni, Apple ci ha stuzzicato dicendoci che stava pensando di rivoluzionare il nostro rapporto con la televisione, allo stesso modo in cui l’ha fatto con la musica.  Ad esempio, prima di morire nel 2011, il fondatore di Apple Steve Jobs ha descritto al suo biografo Walter Isaacson, la sua visione per la TV. «Vorrei creare un televisore integrato completamente facile da usare - ha dichiarato Jobs -. Sarebbe perfettamente sincronizzato con tutti i tuoi dispositivi e con iCloud. Avrà l' interfaccia utente più semplice che possiate immaginare». L’Apple Tv, però, è stata un vero fiasco. Di fatto.

La possibilità che Apple decida di comprare Netflix, quindi, non sono così improbabili. A quanto pare Apple ha cercato di fare qualcosa di diverso. Secondo diversi rapporti, l'azienda ha lavorato alla creazione di un servizio di streaming TV in diretta che sarebbe stato facile da usare e più economico rispetto alle offerte via cavo tradizionali. Ma Apple non ha potuto sigillare l'accordo con Hollywood. Nessuna delle altre società tecnologiche ha risolto i problemi di fondo. I rivali di Apple TV, come Chromecast di Google e l'assortimento di scatole di Roku, in gran parte servono solo come condotti per i vari servizi di streaming che gli utenti guardano. Non fanno molto per cercare di organizzare questi servizi o semplificarne l'utilizzo. Ecco spiegato perché Apple potrebbe comprare Netflix. Ad un certo punto.