20 novembre 2018
Aggiornato 00:30

Deliveroo, cosa sta succedendo in Francia dove i fattorini protestano in tutto il Paese

La Francia sta assistendo in questi giorni a una mobilitazione massiccia dei fattorini di Deliveroo: nell’occhio del ciclone, costantemente, le modalità contrattuali
Mobilitazione francese Deliveroo
Mobilitazione francese Deliveroo (Shutterstock.com)

PARIGI - Chi credeva che le mobilitazioni dei fattorini di Deliveroo riguardassero solo il territorio nazionale, dovrà ricredersi: la Francia è in pieno fermento. Dopo una mobilitazione piuttosto disorganizzata durante la stagione estiva, con scioperi avvenuti un po’ in tutte le città francesi, da Bourdeaux a Lione a Parigi, negli scorsi giorni la nazione ha assistito a una mobilitazione più strutturata con raduni che si sono tenuti in contemporanea nelle principali città francesi. Nell’occhio del ciclone, costantemente, le modalità contrattuali a cui sottostanno i fattorini di Deliveroo.

Il nuovo contratto francese
Fino a oggi esistevano due sistemi di pagamento: chi ha iniziato a lavorare per Deliveroo dopo settembre 2016 viene pagato 5 euro a corsa, mentre coloro che avevano iniziato prima di questa data, hanno una modalità mista, con 7,50 euro all’ora, più una sorta di ‘provvigione’ di 2-4 euro per la consegna, secondo criteri relativi alla qualità del servizio. Con la fine del vecchio regime di pagamento, malgrado i fattorini abbiano chiesto di poter mantenere l’ultima formula, questa scelta scomparirebbe. Tutti i riders, quindi, passerebbero a un contratto di 5 euro a corsa, sistema che per chi aveva iniziato a lavorare per Deliveroo prima dei settembre 2016, comporta una perdita che va dal 18 al 30% del loro guadagno. Per Deliveroo, ovviamente, il problema non sussiste in quanto il nuovo algoritmo messo in piedi dall’azienda, consentirà ai fattorini di avere meno tempi morti e quindi non retribuiti tra una corsa e l’altra. Oltre ad accorciare la distanza da percorrere in bicicletta. A tutti i riders, quindi, è chiesto di sottostare, a partire dal 28 agosto, a un regime contrattuale dove la paga non è più oraria, ma a corsa. Decisione aziendale che ha fatto scattare le mobilitazioni.

Verso un regime libero?
Oltre alla paga oraria di 7,5 euro, i fattorini francesi chiedono anche un minimo garantito che vada dai 15 ai 20 euro l’ora e che, secondo l’azienda, potrebbe però variare a seconda delle città di riferimento e quindi al livello degli ordini. La paura delle organizzazioni ‘sindacali’ francesi, tuttavia, è che presto Deliveroo possa passare alla modalità «libera», già in vigore nei contratti di UberEat. Si tratta di un sistema senza pianificazione, dove ognuno lavora quando vuole, come succede per i drivers di Uber, appunto. Una pseudo libertà che potrebbe vedere un ulteriore abbassamento delle tariffe da parte di Deliveroo.

I rischi per la Gig Economy
I pilastri sui quali si fonda la Gig Economy stanno cominciando a traballare per davvero. Di fatto, questo modello aziendale, ha contribuito a creare una nuova classe di lavoratori, quelli on-demand, un po’ anche figli della crisi economica. Stiamo però parlando di contratti creati sulla base di prestazioni che oggi non rappresentano la realtà. «L’attuale sistema di inquadramento che prevede sostanzialmente «subordinazione», «collaborazione» e «autonomia», pensate per una realtà imprenditoriale, commerciale e giuridica ormai non più aderente alla realtà, non soddisfa le esigenze e peculiarità di queste nuove attività - ci aveva raccontato Francesco Rotondi, avvocato giuslavorista di LabLaw Studio Legale con cattedra alla LIUC – Università Carlo Cattaneo di Castellanza e unico giuslavorista inserito nella classifica dei 40 avvocati under 50 più influenti d’Italia -. Non si tratta di lasciare o meno dei «vuoti», bensì di disciplinare in modo aderente al mercato che si vuole regolamentare. Non è più tempo per regole generali, comuni a pioggia».

Se la vera innovazione è un nuovo modo di legiferare
Sullo status per i lavoratori della Gig Economy sembra essersi interessato anche il Regno Unito, il cui governo ha commissionato uno studio per risolvere la lacuna normativa dei lavoratori on demand, con particolare riferimento a Uber e Deliveroo. Si parla di ridefinire il concetto di lavoratore e di aggiungere una nuova categoria ibrida, tra lavoratore dipendente e autonomo, i cosiddetti ‘dependent contractors’, coloro i quali «sono idonei a ricevere le tutele dei lavoratori pur non essendo dipendenti». Il punto è che se cambiano e si creano nuovi modelli e nuove forme di lavoro, ci chiediamo perché lo stesso non debba accedere anche sul piano legislativo, laddove dovrebbe cambiare anche il modo di legiferare e di produrre norme. Perché anche una regolamentazione ‘ad hoc’ potrebbe portare all’implosione del mercato: «Occorre che la normativa ‘chiara’ sia elaborata tenendo a mente le caratteristiche di business e contemperarle con le esigenze retributive e di sicurezza dei lavoratori. - aveva concluso Francesco Rotondo -. Se ciò non dovesse avvenire e l’elaborazione della disciplina giuridica dovesse avvenire come se fossimo ancora ai tempi della vecchia «FIAT», l’implosione ci sarà sicuramente».