23 febbraio 2020
Aggiornato 12:30
realtà virtuale

I Google Glass per aziende potrebbero guidare la rivoluzione industriale?

Google avrebbe dovuto riporre i suoi occhiali per le realtà virtuale nel cassetto e, invece, li ha rimessi in luce. Non per il mercato consumer. Ma per le aziende

Google Glass
Google Glass ANSA

ROMA - Sono stati definiti uno dei progetti più fallimentari di Google. Sbarcati sul mercato consumer nel 2014 (solo per i residenti US) al costo di 1500 dollari, i Google Glass, hanno visto poco dopo la loro fine, nel gennaio del 2016. Se Business Insider prevedeva milioni di pezzi venduti, la strategia di vendita ha decretato il loro fallimento. Prezzo troppo elevato, funzioni non innovative e pressoché simili a quelle degli smartphone, un design che - diciamolo - era piuttosto lontano dagli standard di eleganza. Google avrebbe dovuto riporre i suoi occhiali per le realtà virtuale nel cassetto e, invece, li ha rimessi in luce. Non per il mercato consumer. Ma per le aziende.

I Google Glass tornano in vita
Ad ufficializzarlo è Jay Kothari sul blog del team di X (azienda di ricerca e sviluppo). L’idea sarebbe nata durante un  affiancamento ai tecnici di GE Aviation, società specializzata in riparazione e assemblaggio dei motori di aerei, che hanno avuto l'opportunità di testare gli occhiali di Google per fruire di istruzioni video, animazioni e immagini direttamente a vista senza doversi distrarre continuamente a sfogliare spessi manuali o guardare altri monitor.

Google Glass e rivoluzione industriale
Nell’ottica di una rivoluzione industriale sempre più 4.0, in una smart factory dove gli uomini devono (o dovranno) collaborare con robot e intelligenza artificiale, l’uso dei Google Glass potrebbe diventare un progetto interessante, soprattutto alla luce del fatto che saranno molti i lavoratori a non saper usare appieno strumenti come i robot collaborativi. Che Google stia cercando di sedurre le aziende è ormai assodato. E il lancio di Google for Jobs (l'integrazione di annunci di lavoro sul motore di ricerca di Google) ne è l’esempio più palese. Se gli occhiali per realtà virtuale dell’azienda di Mountain View sono stati un flop per il mercato dei consumatori, potrebbero non esserlo, tuttavia, per il mercato business.

I miglioramenti
In questi anni di silenzio, infatti, Google avrebbe migliorato il prodotto studiandolo assieme a una trentina di esperti di diversi settori, dalla logistica, alla manifattura, all'healthcare per comprendere quali fossero le reali esigenze a cui dare risposta. I nuovi Google Glass sarebbero più comodi e leggeri da indossare e la loro batteria durerebbe decisamente di più; sarebbero dotati di un processore più veloce e connessione Wi-Fi che potrebbe quindi aumentare l’interconnessione tra il device e le macchine. Una tecnologia simile potrebbe quindi unire in modo più semplice l’uomo ai robot.