26 maggio 2019
Aggiornato 13:30
applicazioni

Cinque app utili

E' vero che passiamo molto più tempo sulle solite app (come Facebook) che sulle altre. Alcune, però, sono davvero utili

Cinque app utili
Cinque app utili ( Shutterstock )

ROMA - Il magico mondo delle app ci regala, spesso, emozioni inaspettate. Ormai ce ne sono per tutti i gusti e per fare qualsiasi cosa, da quelle più ludiche e d’intrattenimento, a quelle che hanno uno scopo ben preciso e sono davvero utili. Qui va facciamo una carrellata di quelle che abbiamo recensito ultimamente, giusto per tenervi aggiornati.

Data Selfie
Come sappiamo tutto ciò che compiamo attraverso la rete viene registrato e immagazzinato. Lasciamo impronte ovunque, a discapito della nostra privacy. Il modo più semplice di lasciare impronte e di essere osservati, oggi, è compiere azioni sui social network: Facebook in cima alla classifica. Esiste un modo, però, per conoscere cosa sa Facebook di noi. Si chiama Data Selfie ed è un’estensione per Google Chrome, che prova a renderla visibile, aiutando a capire meglio quali e quante informazioni Facebook raccoglie su di noi, ma soprattutto in quale modo le nostre azioni - i like, il tempo trascorso a leggere un post, i link su cui clicchiamo - vengono costantemente interpolate per estrarre un ritratto della nostra personalità digitale.

Priver
Priver è un’app attraverso cui è possibile archiviare materiale foto e video per tenerlo nascosto dalla nostra gallery tradizionale del cellulare, annotare password e altro genere di messaggi testuali nella sezione "Note" e addirittura sfruttare la sezione chat per conversare in tutta sicurezza e lontani da occhi indiscreti. Cosa significa? Che se intrattengo una conversazione segreta su Priver nessuno potrà scoprirlo, neppure se accidentalmente capita sul mio smartphone e ci naviga.

Situa
Situa è l’innovativa app per organizzare eventi in casa. Una vera e propria community dove ci sono host e utenti. L’host, una volta essersi registrato attraverso Facebook, ha la possibilità di creare l’evento, specificando la location (quindi se si tratta di una casa, un appartamento, una villa o un giardino), il tipo di festa (evento a tema, single party), il tipo di musica e altri parametri in modo tale che la community possa capire di che evento si tratta. La registrazione degli utenti tramite Facebook fa si che la community possa controllare, almeno a livello social, chi sono e cosa fanno i partecipanti all’evento, in modo da garantire un minimo di sicurezza e trasparenza.  L’utente che approda sull’app può quindi vedere quali sono gli eventi, elencati in ordine temporale, più vicini alla sua zona e parteciparvi. L’app è dotata anche di un sistema di feedback dove host e utente possono recensire l’evento e dare giudizi negativi nel caso si siano verificati dei danni.

iUto
E’ una piattaforma che unisce una rete di liberi professionisti, artigiani e imprenditori, a servizio del cittadino e delle imprese. L’app semplice da utilizzare ed intuitiva è indirizzata verso coloro che richiederanno un servizio e verso coloro i quali offriranno un servizio. In entrambi i casi sarà possibile registrarsi gratuitamente. Chi offrirà il proprio servizio avrà a disposizione una pagina personale nella quale potrà inserire le proprie informazioni personali di base quali, una foto profilo, un numero di telefono ed un indirizzo. Qualora colui che offre un servizio avesse necessità di implementare il proprio profilo con maggiori informazioni per rendere la propria attività più competitiva potrà farlo scegliendo uno dei nostri vantaggiosissimi pacchetti "Plus" a pagamento.

Freeeat
Freeeat è un’app che permette agli utenti di sapere, prima di recarsi al ristorante, quali sono i piatti che offre e soprattutto se sono ad essi intolleranti. L’utente che si iscrive deve segnalare i vari allergeni (in tutto 14) e di indicare la propria filosofia alimentare (vegano ad esempio). In questo modo è possibile accedere a una lista precisa di ristoranti divisi per categoria, allergeni e ordinati in base alla distanza dall’utente. L’app permette poi di rilasciare un voto negativo o positivo sul servizio offerto dal ristorante: voto che, però, può essere espresso solo se ci si trova nei pressi del locale e una volta ogni 12 ore, per evitare il fenomeno delle recensioni false.