20 febbraio 2019
Aggiornato 08:30
Missione Futura

@AstroSamantha parla dallo Spazio con gli studenti d'Intercultura

La Stessa astronauta, quando era in quarta liceo, dopo aver aderito al programma di Intercultura partì per gli Stati Uniti. Un'esperienza che ha segnato il suo percorso internazionale.

MILANO - Samantha Cristoforetti, astronauta dell'Esa e capitano pilota dell'Aeronautica militare, attualmente in orbita sulla Iss per la missione dell'Asi «Futura», parlerà via radio con 100 giovanissimi studenti stranieri di tutto il mondo, giunti in Italia per un soggiorno di 6 mesi nell'ambito del programma di scambi culturali della Onlus «Intercultura».

Il colloquio spaziale, via radio, avverrà sabato 31 gennaio, tra le 9.38 e le 9.55, presso il Centro Giovanni XXII di Frascati.

La Stessa astronauta, quando era in quarta liceo, dopo aver aderito al programma di Intercultura partì per gli Stati Uniti. Un'esperienza che ha segnato il suo percorso internazionale.

«Non soltanto ho vissuto per un anno in una cultura diversa - ha raccontato @AstroSamantha - ma per la prima volta ho avuto l'opportunità di incontrare ragazzi e ragazze da tutto il mondo, i miei orizzonti si sono ampliati in modi che non avrei mai potuto immaginare».

Vent'anni dopo, il capitano Cristoforetti vivrà, a 400 km di distanza dalla Terra, quelle stesse emozioni che l'hanno accompagnata nel suo anno all'estero, dialogando con gli studenti di Intercultura che inizieranno il 31 gennaio 2015 il loro programma di studio e di vita in Italia.

Grazie all'Agenzia spaziale italiana che ha permesso questo collegamento radioamatoriale in collaborazione con i radioamatori dell'Ariss e l'Esa (Agenzia Spaziale Europea), 10 di loro avranno la possibilità di porre alcune domande all'astronauta sia sulla sua missione sia sulle competenze che anche lei ha sviluppato da liceale e che la hanno aiutata nel suo percorso professionale che l'ha portata fin nello Spazio.

Sono quelle stesse competenze che interiorizzeranno questi ragazzi nel corso dei 6 mesi di permanenza in Italia, come imparare a convivere con persone di un'altra cultura, gestire l'ansia, comprendere al volo le informazioni, pur non conoscendole, sviluppare una forte capacità di adattamento e così via.

Per la seconda volta, dopo il collegamento con Luca Parmitano, anche lui ex studente di Intercultura, la Stazione spaziale internazionale, con @AstroSamantha riceverà veramente un saluto dalla Terra in tutte le lingue del mondo. Dallo Spazio arriverà a sua volta l'augurio che, pur nelle molte diversità, gli uomini sappiano ricordare la loro comune appartenenza allo stesso pianeta e se ne sentano cittadini.