19 agosto 2019
Aggiornato 04:30
Mattarella parafrasando Spinelli

Trattati Roma, Mattarella: fatti gli europei è ora necessario fare l'Europa

'Per l'Ue l'alternativa è tra la frantumazione e un processo di unificazione basato non sull'egemonia del più potente ma su uno sviluppo pacifico per mezzo di istituzioni federali e democratiche'

ROMA - Per l'Unione europea "l'alternativa reale" da settant'anni, "è - ancor oggi - tra la frantumazione e l'irrilevanza di ciascuno e, invece, un processo di unificazione basato non sull'egemonia del più potente ma su uno sviluppo pacifico per mezzo di istituzioni federali e democratiche (è, questa, la lezione di Altiero Spinelli), con eguaglianza di diritti e doveri per tutti gli Stati, grandi e piccoli, che liberamente decidano di aderirvi». Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlando alla Camera in occasione della celebrazione dei Trattati di Roma. "Capovolgendo l'espressione attribuita a Massimo d'Azeglio - ha concluso Mattarella - verrebbe da dire: 'Fatti gli europei è ora necessario fare l'Europa'. Sono le persone, infatti, particolarmente i giovani, che già vivono l'Europa, ad essere la garanzia della irreversibilità della sua integrazione. Verso di essi vanno diretti l'attenzione e l'impegno dell'Unione".

VEDI ANCHE Trattati Roma, la Lega diserta e scende in piazza: usciamo dall'euro