16 giugno 2021
Aggiornato 10:00
De Mistura: ancora 40mila persone da mettere in salvo

Siria, già evacuati 3mila civili in fuga da Aleppo est

L'evacuazione di Aleppo Est prosegue. I civili che sono riusciti a lasciare la parte orientale della città controllata dai ribelli sono circa 3.000

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2016/12/20161219_video_11354355.mp4

ALEPPO - La Siria dilaniata dalla guerra civile e settaria cerca una via d'uscita dalla drammatica crisi, nel mirino degli interessi diretti e contrastanti di molte potenze regionali e planetarie. L'evacuazione di Aleppo Est prosegue e questa è già una notizia. I civili che sono riusciti a lasciare la parte orientale della città controllata dai ribelli sono circa 3.000.

La fuga in autobus
Una ventina di autobus con gruppi di civili provenienti da Aleppo, ha spiegato il dottor Ahmad Dbis, coordinatore delle squadre di soccorso preposte alle operazioni di evacuazione, sono arrivati nei punti di accoglienza predisposti nella parte occidentale della città siriana, controllata dalle forze governative. L'inviato Onu per la Siria, Staffan de Mistura, ha reso noto che secondo gli ultimi dati circa 40mila civili e 5.000 ribelli si troverebbero ancora nella parte orientale di Aleppo.

L'evacuazione degli sciiti fedeli al regime di Damasco
L'accordo per l'evacuazione di Aleppo dovrebbe avere luogo parallelamente allo sgombero della popolazione sciita fedele al regime di Damasco da tempo assediata dai ribelli islamisti sunniti nei villaggi di Foua et Kefraya, nella provincia di Idlib, contigua a quella di Aleppo, nella Siria nord-occidentale. Schiacciata mediaticamente da quella di Aleppo, l'evacuazione degli sciiti è stata sinora impedita dagli attacchi dei guerriglieri che si oppongono al governo di Bashar al Assad.