16 settembre 2019
Aggiornato 00:00
Nel Paese vivono oltre 3 milioni di immigrati

Le tensioni ad Ankara dividono la comunità turca in Germania

Ci sono state manifestazioni a favore del presidente turco in diverse città tedesche, minacce ai sostenitori di Gulen: rabbia e risentimento sono scoppiati anche sui social network e il timore del governo è che possano arrivare per le strade.

BERLINO - Gli ultimi tormentati giorni in Turchia, dal fallito colpo di Stato al pugno di ferro di Erdogan, rischiano di alimentare tensioni anche nelle comunità turche sparse in tutto il mondo, specialmente in Germania. Ci sono state manifestazioni a favore del presidente turco in diverse città tedesche, minacce ai sostenitori di Gulen: rabbia e risentimento sono scoppiati anche sui social network e il timore del governo è che possano arrivare per le strade.

Nel Paese vivono oltre 3 milioni di immigrati
«La Turchia deve ripristinare la pena di morte. Erdogan sta lavorando per il suo Paese», dice un negoziante turco che vive a Berlino. Di parere opposto questa donna. «E' una vergogna per la Turchia. Il nostro è un grande paese, abbiamo un bel clima, buon cibo, bella gente...ma Erdogan vuole essere un dittatore».
Altri puntano il dito contro l'Europa. «Sono quasi sessant'anni che aspettiamo di diventare un membro dell'Unione europea. Bulgaria e Romania per esempi hanno aspettato solo due anni. E' così che funziona la politica. Noi siamo musulmani e non possiamo essere in Europa».