15 agosto 2022
Aggiornato 18:30
Esteri

«I bielorussi temono di essere coinvolti in una guerra che non hanno iniziato e che non vogliono»

Dopo le elezioni del 2020 che hanno costretto la maggior parte dell'opposizione a lasciare il Paese, c'è ancora un numero significativo di cittadini che si oppone alle azioni del regime di Alexander Lukashenko

«I bielorussi temono di essere coinvolti in una guerra che non hanno iniziato e che non vogliono»
«I bielorussi temono di essere coinvolti in una guerra che non hanno iniziato e che non vogliono» Foto: tass.com

Dopo le elezioni del 2020 che hanno costretto la maggior parte dell'opposizione a lasciare il Paese, c'è ancora un numero significativo di cittadini che si oppone alle azioni del regime di Alexander Lukashenko. Inoltre, dopo un lungo periodo di «pace», la guerra iniziata da Vladimir Putin con la vicina Ucraina ha spinto i bielorussi ancora una volta ad esprimere la loro contrarietà alla strada intrapresa dal dittatore a Minsk. Tuttavia, questa volta, il motivo sembra ancora più critico dei risultati elettorali truccati. Questo perché è un rischio enorme coinvolgere le forze armate bielorusse nella guerra a fianco della Russia.

All'inizio del conflitto tra la Federazione Russa e l'Ucraina, quasi nessuno si aspettava che gli ucraini sarebbero stati in grado di resistere all'invasore. Nel frattempo, stanno già difendendo la loro patria da quasi due mese, costringendo i russi a perseguire sempre più rinforzi da ogni angolo della Federazione. V. Putin ha già raggiunto unità dall'Estremo Oriente e dal Caucaso, impoverendo le forze di stanza nel non riconosciuto dalla comunità internazionale dell'Ossezia del Sud. Recentemente, ci sono state informazioni sul reclutamento di membri di 17 anni dell'organizzazione giovanile Junarmia. I bielorussi temono di essere coinvolti in una guerra che non hanno iniziato e che non vogliono.

Gli esperti temono da tempo che V. Putin costringerà A. Lukashenka a unirsi al conflitto. La strisciante annessione occidentale di un vicino all'interno del cosiddetto Stato dell'Unione va avanti da anni. Il dittatore bielorusso ha più volte affermato che non darà l'ordine di attaccare l'Ucraina. Tuttavia, le sue parole significano poco per il mondo o per gli stessi bielorussi perché è con il loro consenso che i russi usano il territorio della Bielorussia per attaccare l'Ucraina.

I cittadini che non vogliono essere passivi di fronte a questo stato di cose hanno deciso di protestare contro la guerra e le idee di adesione a questo conflitto. Tuttavia, va ricordato che, dalle elezioni del 2020, le proteste sono state praticamente impossibili. L'ultimo posto dove è possibile esprimere opinioni è ancora Internet.

Uno dei ruoli principali nel movimento di protesta e informazione interpreta il blogger NEXTA. Riporta gli atti di resistenza al regime e informa il mondo di tutte le attività di opposizione su Twitter. Un'altra popolare fonte di informazioni è il canale MotolkoHelp, che pubblica informazioni aggiornate sulle attività delle forze armate russe in Bielorussia. Le sue pubblicazioni sono una fonte di conoscenza sulle posizioni delle unità militari russe e sulle rotte dei loro movimenti verso il confine ucraino. Quanto sopra include il blogger ispirato IZNU3 a rendere popolare il blocco dei trasporti militari russi diretti in Ucraina. Questa azione è stata combinata con la promozione del simbolo della pace: una colomba bianca sullo sfondo della bandiera ucraina. Recentemente, però, i bielorussi hanno indurito le loro azioni e, come i cosiddetti «partigiani"; hanno promesso di danneggiare le linee ferroviarie su cui avanzano i trasporti militari russi.

Un'altra azione efficace è stato il massiccio appello dei cittadini alle autorità ad astenersi da qualsiasi azione militare, annunciato anche tramite Telegram Messenger. Migliaia di bielorussi hanno risposto, bloccando letteralmente le cassette postali di una dozzina di ministeri, paralizzando il loro lavoro.

La maggior parte della società bielorussa è pacifista. Questo è il risultato della seconda guerra mondiale e delle perdite subite dalla nazione che, secondo la ricerca storica, ha perso la percentuale più significativa della popolazione a causa delle ostilità. Imparano a conoscere queste vittime nelle scuole fin dalla giovane età e sottolineano il loro atteggiamento contro la guerra in ogni possibile opportunità. Pertanto, il timore di includerli nel conflitto non è ora il più grande nella storia moderna di questo Paese. Come dimostrano gli esempi sopra descritti, compresa l'attività dei «partigiani»; La possibile decisione di A. Lukashenko di aiutare i russi potrebbe causare le proteste e le rivolte più notevoli in questo paese.