27 novembre 2020
Aggiornato 01:30
Presidenziali USA 2020

I programmi di Trump e Biden

Queste le loro linee programmatiche su nove punti qualificanti del dibattito politico statunitense, dalla risposta alla crisi del coronavirus, all'emergenza climatica

Il Presidente Donald Trump con Joe Biden
Il Presidente Donald Trump con Joe Biden ANSA/EPA

Il presidente Donald Trump e il candidato alla presidenza democratica Joe Biden hanno assunto posizioni molto diverse su una serie di questioni politiche. Queste le loro linee programmatiche su nove punti qualificanti del dibattito politico statunitense, dalla risposta alla crisi del coronavirus, all'emergenza climatica.

Emergenza coronavirus

Il piano di Biden per affrontare la pandemia include l'offerta di test gratuiti a tutti gli americani. Richiede l'assunzione di 100.000 persone per la tracciabilità dei contatti nazionali, nonché l'aumento dei siti per test drive-in. Sta anche esortando Trump a utilizzare il Defense Production Act per aumentare la produzione di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari, testare le forniture e altri articoli. Il piano di Biden include passaggi progettati per aiutare le aziende e le scuole a riaprire, compreso il sostegno finanziario per trattenere e riassumere i lavoratori, costruire un centro di smistamento delle migliori pratiche per le scuole e garantire un congedo retribuito a chiunque sia affetto da coronavirus o che si prende cura di qualcuno con il virus. L'ex vicepresidente ha anche detto che avrebbe chiamato il dottor Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, poco dopo essere stato dichiarato vincitore delle elezioni generali per chiedergli di rimanere membro della task force sul coronavirus della Casa Bianca. Biden ha anche anticipato l'intenzione di rendere obbligatorie le mascherine in pubblico.

A gennaio, quando è iniziata l'epidemia di coronavirus, la Casa Bianca ha formato una task force che includeva il dottor Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, e la dottoressa Deborah Birx, il coordinatore delle attività del governo degli Stati Uniti per combattere HIV / AIDS. Il segretario per la salute e i servizi umani Alex Azar ha dichiarato il coronavirus un'emergenza sanitaria pubblica negli Stati Uniti. A febbraio, gli Stati Uniti hanno iniziato ad attuare rigorose restrizioni di viaggio nel tentativo di contenere l'epidemia, che includevano il divieto temporaneo di ingresso a cittadini stranieri che avevano visitato la Cina nei 14 giorni precedenti il loro arrivo negli Stati Uniti. I funzionari della sanità pubblica nell'amministrazione Trump hanno esortato gli americani a praticare le distanze sociali e indossare maschere per rallentare la diffusione del virus, ma Trump stesso è stato riluttante a indossare una mascherina in pubblico. Il presidente ha detto che non credeva che fosse necessario rendere le mascherine obbligatorie in tutto il paese, ma a luglio ha detto che è 'favorevole alle mascherine' e che 'pensa siano buone'. Trump ha ripetutamente minimizzato la necessità di aumentare i test e ha detto ai sostenitori in una manifestazione di giugno a Tulsa, in Oklahoma, che i test del Covid-19 erano 'un'arma a doppio taglio».

Assistenza sanitaria

Biden vuole espandere l'Obamacare, Trump vuole eliminarla. Il piano di assistenza sanitaria di Biden amplierebbe notevolmente i sussidi dell' Obamacare per rendere più accessibili le polizze assicurative private disponibili sul mercato. Il piano creerebbe anche una nuova 'opzione pubblica' simile a Medicare. 'Stiamo per aggiungere un'opzione pubblica. E l'opzione pubblica dice che se hai un'assicurazione basata sul datore di lavoro o un'assicurazione privata, o sei in borsa, puoi iscriverti per una prestazione simile a Medicaid-Medicare nella legge e non scaricare 300 milioni di persone su Medicare all'improvviso ', ha detto nel luglio 2019. Biden ha aggiunto che coloro che sono coperti da piani di assicurazione sanitaria basati sul datore di lavoro potrebbero anche scegliere il piano pubblico se lo preferiscono. 'Puoi iscriverti e ottenere questo altro piano', ha detto. 'Ma se vuoi (la tua assicurazione privata), puoi mantenerla.' Trump il 24 settembre ha esposto quella che ha definito la sua 'visione' per l'assistenza sanitaria in America, ma i due ordini esecutivi che Trump ha detto che avrebbe firmato sono ben lontani da una proposta globale. Trump ha detto che stava firmando un ordine esecutivo per proteggere gli americani con condizioni preesistenti, anche se i legislatori repubblicani tentano di abbattere l'Affordable Care Act che già li protegge. Il secondo ordine esecutivo ordina al Congresso di approvare una legislazione per affrontare la fatturazione medica a sorpresa entro la fine dell'anno, e se i legislatori non raggiungono questo obiettivo, il segretario per la salute e i servizi umani Alex Azar cercherà di farlo tramite un'azione esecutiva o normativa. Trump ha condotto una campagna contro l'Affordable Care Act nel periodo precedente alla sua presidenza. Mentre il Congresso controllato dai repubblicani non è riuscito ad abrogare la legge, Trump ha intrapreso una serie di azioni esecutive per indebolirla, incluso il rendere più facile per gli americani l'accesso a politiche alternative che hanno meno protezioni e vantaggi. L'amministrazione sta anche cercando di invalidare la storica legge sull'assistenza sanitaria attraverso i tribunali. Trump ha promesso di ridurre i prezzi dei farmaci e ha presentato un progetto per farlo nel 2018. In contrasto con le convinzioni repubblicane di vecchia data, il presidente sta spingendo per consentire l'importazione di farmaci, in particolare dal Canada, e per legare il prezzo dei farmaci negli Stati Uniti al loro costo in altre nazioni sviluppate. Tuttavia, molti dei suoi sforzi sono stati ostacolati, compresa la richiesta ai produttori di farmaci di includere i loro prezzi di listino negli annunci televisivi, che è stato annullato da un giudice federale nell'estate 2019. Nel tentativo di ridurre i costi sanitari complessivi, l'amministrazione ha anche emesso una regola che richiede agli ospedali di pubblicare le tariffe che negoziano privatamente con gli assicuratori sanitari, a partire dal 2021. Una coalizione di importanti gruppi ospedalieri ha intrapreso un'azione legale per bloccare la norma

Economia

Il potenziamento della classe media è uno dei pilastri principali della campagna di Biden. Ha detto che il paese ha bisogno di costruire un'economia che 'premia il lavoro, non solo la ricchezza'. Biden vuole abrogare i tagli alle tasse decretati dall'amministrazione Trump e sta spingendo per una paga oraria minima di 15 dollari, eliminando gli accordi non competitivi per i lavoratori e ampliando l'accesso all'istruzione a prezzi accessibili, incluso il community college gratuito. Il piano di Biden per affrontare la pandemia di coronavirus include anche misure progettate per aiutare le aziende e le scuole a riaprire, compreso il sostegno finanziario per trattenere e riassumere i lavoratori, costruire un centro di smistamento delle migliori pratiche per le scuole e garantire un congedo retribuito a chiunque sia affetto da coronavirus o che si prende cura di qualcuno con il virus. In un'intervista con la CNN nel luglio 2019, Biden ha affermato che aumenterà l'aliquota dell'imposta sul reddito individuale superiore al 39,5% e aumenterà l'aliquota dell'imposta sulle società dal 21% al 28%. Biden ha dettagliato una proposta moderata per utilizzare la spesa governativa per stimolare la produzione in settori quali l'energia pulita, le infrastrutture e l'assistenza sanitaria. Ha inoltre proposto nuovi crediti d'imposta per chi si prende cura di bambini, anziani e disabili. Biden ha detto che avrebbe costruito decine di migliaia di nuove strutture per l'infanzia come parte di un piano per rafforzare quella che la sua campagna ha chiamato 'economia della cura'. Il piano per il clima di Biden mira anche a stimolare la creazione di milioni di nuovi posti di lavoro e si concentra sulle infrastrutture. Il suo piano climatico fa parte di una serie di piani economici volti a far ripartire un'economia martoriata dalla pandemia di coronavirus.

Trump ha firmato il 27 marzo il più grande pacchetto di aiuti di emergenza nella storia degli Stati Uniti in risposta all'impatto economico della pandemia di coronavirus. Il pacchetto di stimoli del CARES Act da circa 2 trilioni di dollari includeva, tra una miriade di altri articoli, l'assistenza finanziaria diretta agli americani. Durante un'intervista con Politico il 25 aprile, Biden ha sostenuto che era necessario un altro pacchetto di stimoli e che avrebbe dovuto essere 'molto più grande' del CARES Act. Il 18 marzo, Trump ha firmato un pacchetto di aiuti per il coronavirus. Il pacchetto includeva disposizioni per test gratuiti per Covid-19 e congedo di emergenza retribuito per alcune persone colpite dal coronavirus, con pagamenti limitati a $ 511 al giorno. Ha anche aumentato i finanziamenti Medicaid, alcuni crediti d'imposta e ha ampliato l'assistenza alimentare. Ci sono molti critici di questi programmi e pacchetti e una buona dose di prove che alcuni dei fondi non sono andati agli americani e alle piccole imprese più bisognosi. Il principale risultato della politica economica di Trump è stato il taglio delle tasse del 2017, che ha ridotto drasticamente le aliquote per individui e imprese, ma ha portato a un aumento del deficit di bilancio federale di quasi 1 trilione nell'anno fiscale 2019, minando la promessa della campagna di non solo ridurre ma eliminare del tutto il debito nazionale entro la fine del secondo mandato.

Riforma della Polizia

Biden ha detto di non sostenere gli appelli stile 'defund the police' (definanziare, ridurre la polizia) che hanno preso piede dopo le uccisioni di George Floyd nel Minnesota e Breonna Taylor nel Kentucky, così come altri. Ma sostiene alcuni dei principi sostenitori della campagna. Il portavoce della campagna di Biden, Andrew Bates, ha affermato che Biden sostiene 'l'urgente necessità di riforme - compresi i finanziamenti per le scuole pubbliche, i programmi estivi e il trattamento per la salute mentale e l'abuso di sostanze separati dai finanziamenti per la polizia. ' La campagna di Biden ha affermato di sostenere proposte per aumentare la spesa per programmi sociali separati dai bilanci della polizia locale, ma vuole anche maggiori finanziamenti per le riforme della polizia come lla formazione sugli approcci di polizia di comunità. Biden ha chiesto un finanziamento aggiuntivo di 300 milioni di dollari per il programma di servizi di polizia orientati alla comunità, che consentirebbe l'assunzione di più agenti e pagherebbe la formazione sugli approcci di polizia di prossimità. Trump si è dichiarato 'il tuo presidente della legge e dell'ordine' tra le proteste a livello nazionale contro il razzismo sistemico e la brutalità della polizia in America. Ha criticato i tentativi di smantellare i vertici dei dipartimenti di polizia e ha detto che alla polizia è dovuto rispetto per il loro lavoro. A giugno, ha firmato un ordine per attuare modeste riforme in una mossa per affrontare le proteste per la brutalità della polizia, compreso un programma di monitoraggio che incoraggerà le comunità locali a fornire informazioni sugli agenti che sono stati licenziati o trovati in tribunale per aver usato la forza eccessiva. Il Dipartimento di Giustizia indirizzerà anche le sovvenzioni federali verso i dipartimenti di polizia che hanno le credenziali per l'uso della forza e le politiche di riduzione dell'escalation e vietano pratiche di repressione fisica tranne quando la forza letale è autorizzata. Lavorando con i funzionari sanitari federali, il dipartimento aumenterà la formazione sui programmi che accoppiano gli assistenti sociali con la polizia per rispondere alle chiamate sulla salute mentale e sui senzatetto. La leadership politica del Dipartimento di Giustizia sotto l'amministrazione Trump ha approvato una politica di polizia che ha dato priorità all'eliminazione di un aumento nazionale dei crimini violenti e al rafforzamento del morale dei poliziotti di strada, che l'amministrazione Trump ha affermato di essere stati trascurati e marginalizzati durante l'era di Obama.

Armi e violenze

Biden ha detto che spingerà a vietare le cosiddette armi d'assalto se eletto. In un editoriale del New York Times, Biden - che ha contribuito a guidare lo sforzo per vietare le armi d'assalto negli anni '90 - ha scritto che gli Stati Uniti hanno un 'enorme problema con le armi', e che le armi d'assalto, che ha definito come ' armi da fuoco in stile militare progettate per sparare rapidamente ', E sono una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Ha anche detto ad Anderson Cooper della CNN che avrebbe spinto per un programma federale di riacquisto di armi nel tentativo di togliere più armi dalle strade. Nel primo dibattito presidenziale democratico, Biden ha chiesto 'armi intelligenti', richiedendo ai produttori di includere misure biometriche che impedirebbero l'uso delle armi da fuoco a coloro le cui impronte digitali non sono registrate per quella specifica pistola. Si è anche concentrato ulteriormente sui produttori di armi. 'Il nostro nemico sono i produttori di armi, non l'NRA. I produttori di armi', ha detto durante il dibattito. Sulla scia delle sparatorie di massa durante la sua presidenza, Trump ha promesso un'azione contro la violenza armata, compreso l'espansione dei controlli dei precedenti. Ma è stato vago sui dettagli e ha ripetutamente indicato la salute mentale e l'odio come problemi di fondo. Dopo la sparatoria a Las Vegas del 2017, Trump ha ordinato al Dipartimento di Giustizia di vietare i bump stock, accessori che effettivamente fanno sparare continuamente i fucili semiautomatici. Il divieto è entrato in vigore nel marzo 2019. Il presidente ha appoggiato le leggi sulle armi da fuoco 'bandiera rossa' a livello statale, che consentono a coloro che hanno visto segnali di pericolo di poter chiedere al tribunale di intervenire per impedire a persone instabili o pericolese di avere temporaneamente accesso alle armi da fuoco .

Immigrazione

Biden sostiene un percorso verso la cittadinanza per gli immigrati privi di documenti. Ha anche chiesto al Congresso di concedere immediatamente la cittadinanza ad alcuni immigrati privi di documenti portati negli Stati Uniti da bambini. Al primo dibattito presidenziale democratico di giugno, Biden ha affermato che gli immigrati privi di documenti senza precedenti penali 'non dovrebbero essere al centro della deportazione'. In un'intervista alla CNN nel luglio 2019, Biden ha dichiarato di opporsi alla depenalizzazione dell'attraversamento del confine senza documentazione, qualcosa che altri candidati sul campo hanno sostenuto. 'Penso che le persone dovrebbero mettersi in fila, ma se le persone arrivano perché stanno effettivamente chiedendo asilo, dovrebbero avere la possibilità di sostenere la loro causa', ha detto Biden. Durante la sua campagna del 2016, Trump ha proposto la costruzione di un muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico e ne ha fatto un principio della sua politica di immigrazione come presidente. Dopo essere entrato in carica, ha emesso un decreto esecutivo che sospende per 90 giorni l'ingresso di persone provenienti da diversi paesi a maggioranza musulmana; l'ordine ha subito diverse ripetizioni in tribunale prima di essere confermato. La politica di 'tolleranza zero' dell'amministrazione nel 2018 - procedimenti penali contro adulti che hanno attraversato illegalmente il confine - ha portato a migliaia di separazioni familiari al confine mentre i genitori sono stati arrestati. Secondo un'ordinanza del tribunale, il governo deve identificare e riunificare alcuni bambini separati. Il Presidente ha proposto un sistema di immigrazione basato sul merito, istituendo un sistema a punti per i titolari di carta verde e limitando il patrocinio a coniugi e figli minori. Trump ha anche ufficialmente posto fine alle protezioni dell'era Obama per gli immigrati privi di documenti che sono stati portati nel paese da bambini, una decisione che ora è stata presa alla Corte Suprema.

Scuola e istruzione

Biden ha proposto un piano educativo che aumenterebbe i finanziamenti per le scuole nelle zone a basso reddito, aiuterebbe gli insegnanti, avegolerebbe per gli studenti il pagamento dei prestiti e raddoppierebbe il numero di professionisti sanitari che lavorano nelle scuole. Un elemento fondamentale consiste nel triplicare i finanziamenti federali del titolo I per le scuole che servono aree a basso reddito, colmando quello che la sua campagna ha definito un divario di finanziamento di 23 miliardi di dollari tra i distretti scolastici a maggioranza bianchi e non bianchi. Nell'ottobre 2019, Biden ha presentato un piano che taglierebbe gli obblighi di debito dei prestiti agli studenti, rinunciando a $ 10.000 all'anno - per un massimo di cinque anni - per coloro che svolgono lavori di servizio pubblico, come insegnanti o membri delle forze armate. Garantirebbe anche che coloro che guadagnano meno di $ 25.000 non debbano nulla sui loro prestiti , mentre i pagamenti di tutti gli altri sarebbero limitati al 5% del loro reddito se superiore a $ 25.000, dimezzando l'attuale limite del 10%. I suoi piani enfatizzano fortemente l'azione esecutiva. Biden ha affermato in un forum della Federazione americana degli insegnanti a Houston nel maggio 2019 che 'la maggior parte' delle sue proposte educative possono diventare legge anche se i repubblicani mantengono il controllo del Senato dopo le elezioni del 2020.

Trump, in qualità di presidente, ha promesso di riparare il debito dei prestiti studenteschi. Come indicato da un ordine esecutivo, il Dipartimento della Pubblica Istruzione ha pubblicato nuovi dati nel novembre 2019 sui livelli di reddito e debito dei laureati volti ad aiutare gli studenti a prendere decisioni di prestito più informate prima di scegliere i college. La Casa Bianca ha anche reso automatico il condono del prestito per i veterani con disabilità e ha esortato il Congresso a includere un limite al prestito studentesco. Al contrario, ha ripetutamente proposto di porre fine a un programma di remissione dei prestiti studenteschi per i lavoratori pubblici, ma il Congresso ha respinto tali sforzi. L'amministrazione ha spinto per un credito d'imposta per la scelta della scuola noto come 'Borse di studio per la libertà dell'istruzione', che gli studenti potrebbero utilizzare per frequentare scuole pubbliche o private, comprese le charter, al di fuori dei loro distretti. Ha annullato una serie di politiche dell'era Obama, comprese quelle che promuovevano la diversità razziale nelle scuole e le protezioni per gli studenti transgender nelle scuole pubbliche che permettevano loro di usare bagni e altre strutture corrispondenti alla loro identità di genere. Ha anche annullato due regole che avevano lo scopo di ritenere responsabili i college a scopo di lucro.

Politica estera

Un argomento centrale della campagna per la presidenza di Biden è che l'ex vicepresidente ha una vasta esperienza in politica estera dai suoi otto anni di servizio alla Casa Bianca e dai viaggi per il mondo come presidente della commissione per le relazioni estere del Senato. A giugno, Biden si è impegnato a annullare le mosse di politica estera del presidente Donald Trump in un discorso in cui l'ex vicepresidente ha spiegato come avrebbe cercato di ripristinare le norme internazionali pre-Trump e 'rimettere l'America a capo del tavolo'. Il fulcro dello sforzo di Biden per tornare alla cooperazione internazionale è un vertice che Biden ha affermato di voler convocare tra le democrazie del mondo, le organizzazioni non governative e le società - in particolare le società tecnologiche e di social media - per cercare un'agenda comune per proteggere i loro valori condivisi . Un tale vertice spingerebbe aziende come Facebook, Google e Twitter a combattere sfide come la sorveglianza, la censura e la diffusione dell'incitamento all'odio. Mentre era al Senato, Biden ha votato per autorizzare la guerra in Iraq nel 2002. Come altri Democratici che hanno votato sì, Biden ha passato gli anni a scusarsi per questo dato che il conflitto è diventato sempre più impopolare tra il pubblico americano e gli elettori democratici. Trump ha fatto una serie di mosse imprevedibili sul commercio, inclusa l'imposizione di tariffe contro alleati come l'Unione Europea. Trump si è anche impegnato in una guerra commerciale di due anni con la Cina, imponendo una serie crescente di tariffe di ritorsione che hanno colpito agricoltori, importatori e produttori americani. Ha annunciato l'intenzione di ritirarsi dai negoziati e dall'accordo di partenariato trans-pacifico, un accordo commerciale dell'era Obama tra un certo numero di paesi, subito dopo essere entrato in carica nel 2017. Preferendo accordi bilaterali, ha firmato un nuovo patto commerciale con il Giappone nel 2019. La sua amministrazione ha anche rinegoziato l'accordo di libero scambio nordamericano, il patto commerciale con il Canada e il Messico. Da allora i paesi hanno accettato l'accordo Stati Uniti-Messico-Canada, ma è in attesa di ratifica da parte del Congresso degli Stati Uniti. Trump ha anche ritirato il suo paese dall'accordo sul nucleare iraniano firmato durante l'era Obama.

Crisi climatica

Biden nel luglio 2020 ha proposto di spendere 2 trilioni di dollari in quattro anni in progetti di energia pulita e di porre fine alle emissioni di carbonio delle centrali elettriche entro il 2035. In un discorso che descrive in dettaglio il piano, Biden ha definito la minaccia rappresentata dal cambiamento climatico 'un'opportunità irripetibile. per dare nuova vita alla nostra economia '. Il piano segna un chiaro spostamento di Biden verso gli obiettivi dei progressisti di ridurre urgentemente il consumo di combustibili fossili per combattere il cambiamento climatico. La nuova proposta di Biden è più ambiziosa del piano decennale da 1,7 trilioni di dollari che aveva offerto durante le primarie democratiche, che includeva l'obiettivo di raggiungere zero emissioni nette entro il 2050. Il suo standard proposto per l'elettricità pulita al 100% entro il 2035 è modellato su uno proposta inizialmente avanzata dal governatore di Washington Jay Inslee e successivamente accolta dalla senatrice del Massachusetts Elizabeth Warren. Lo stesso obiettivo è stato incluso in una serie di raccomandazioni recentemente negoziate da una task force composta da membri nominati da Biden e dal senatore del Vermont Bernie Sanders e co-presieduta dal rappresentante di New York Alexandria Ocasio-Cortez, uno dei principali sostenitori del Green New Deal.

La decisione di Trump di ritirare gli Stati Uniti dall'accordo sul clima di Parigi - uno storico accordo del 2015 sugli obiettivi del riscaldamento globale - è stato un duro colpo alla risposta globale alla crisi climatica. La decisione ha inviato il messaggio al resto del mondo che gli Stati Uniti - che possono uscire legalmente dall'accordo già nel 2020 - non saranno alla guida della lotta globale contro il cambiamento climatico. Il responsabile delle politiche ambientali dell'amministrazione Trump ha affermato che sebbene creda nel cambiamento climatico, questo non è una priorità assoluta. L'amministrazione anche spinto ad aprire l'Arctic National Wildlife Refuge dell'Alaska all'esplorazione di petrolio e gas, nonché le acque lungo le coste orientali e del Pacifico. Sotto l'amministrazione Trump, l'EPA ha annunciato che non avrebbe più richiesto alle compagnie petrolifere e del gas di installare monitor per rilevare perdite di metano da nuovi pozzi, serbatoi e condutture.

(con fonte Askanews)