6 aprile 2020
Aggiornato 08:30
Stati Uniti

Elezioni Usa 2020, altro «schiaffo» per Donald Trump: la Louisiana sceglie un Governatore democratico

Il Presidente americano aveva visitato lo Stato tradizionalmente repubblicano tre volte nelle ultime due settimane, trasformando la sfida in un test della sua popolarità nello stato meridionale

Il Presidente americano, Donald Trump
Il Presidente americano, Donald Trump ANSA

NEW YORK - Nuova affermazione del partito democratico per le elezioni americane arriva dalla Louisiana dove il governatore democratico uscente John Bel Edwards, con il 51% dei voti, è stato rieletto battendo al ballottaggio il repubblicano Eddie Rispone. Nessuno dei due aveva ottenuto la maggioranza assoluta dei voti al primo turno il mese scorso, e il presidente Donald Trump si era impegnato a sostegno l'imprenditore italoamericano Rispone. Trump ha visitato lo stato tre volte nelle ultime due settimane, trasformando la sfida in un test della sua popolarità nello stato meridionale.

«Stasera, il popolo della Louisiana ha scelto di tracciare la propria strada», ha detto Edwards ieri a una folla di sostenitori. «E per quanto riguarda il presidente, Dio benedica il suo cuore», ha aggiunto, attirando risate da alcuni sostenitori, come riferisce oggi la BBC. Edwards, 53 anni, è stato eletto governatore per la prima volta nel 2015 e rimane l'unico democratico eletto nello stato storicamente repubblicano. Posizionandosi come un democratico conservatore, ha sostenuto l'espansione delle riforme sanitarie dell'era dell'ex presidente Barak Obama opponendosi tuttavia all'aborto e alle restrizioni sulle armi.

Il contendente repubblicano Eddie Rispone, che si definisce un «outsider conservatore» è stato fortemente sostenuto da presidente Trump. Le elezioni di sabato hanno segnato la seconda vittoria democratica in uno stato tradizionalmente repubblicano questo mese, dopo che i repubblicani hanno perso la corsa del governatorato nel Kentucky.

Consigliere Trump voleva mantenere segreta conversazione ucraina

Timothy Morrison, importante consigliere della sicurezza nazionale statunitense, ha confermato ieri un episodio di cui si stanno occupando le indagini avviate per l'impeachment contro il presidente Donald Trump. Durante una testimonianza di fronte al Congresso americano, Morrison ha racconto di aver raccomandato di limitare l'accesso alla conversazione con il capo dello stato ucraino che ha avviato la procedura di impeachment.​​​​​​​ Morrison, ha spiegato di aver immediatamente realizzato la natura ultra sensibile della telefonata tra Donald Trump e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky il 25 luglio.

Nella registrazione della telefonata che è stata finalmente pubblicato dalla Casa Bianca alla fine di settembre, Trump ha chiesto alla sua controparte di indagare sul democratico Joe Biden, ben posizionato per affrontare le elezioni presidenziali del 2020. La conversazione è al centro del processo di impeachment avviato dai democratici, che accusano il miliardario repubblicano di aver abusato dei suoi poteri presidenziali. «Ho raccomandato (...) di limitare l'accesso» al termine della conversazione, Morrison ha detto aggiungendo tuttavia, che non ha rilevato nulla di discutibile in questo scambio.

La testimonianza di Morrison «mostra che la telefonata del presidente Trump del 25 luglio con il presidente ucraino Zelensky ha immediatamente suonato i campanelli d'allarme in tutta la Casa Bianca», ha detto in una nota Adam Schiff parlamentare democratico che sta conducendo le indagini contro Trump.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal