29 ottobre 2020
Aggiornato 09:00
Elezioni Russia

Russia, Putin ha vinto ma l'Occidente ancora non si congratula

A congratularsi invece i leader di Cina, Serbia, Venezuela, Cuba

MOSCA - I leader di Stati Uniti e dell'Europa non si sono ancora congratulati con Vladimir Putin per aver vinto le elezioni presidenziali con percentuali che sfiorano il 77%. Così Radio Eco di Mosca, l'emittente più ascoltata in Russia, dopo il plebiscito elettorale alle presidenziali russe. Una sottolineatura chiara di quanto il mondo, dopo questo voto, risulti ancora più spaccato. Nel frattempo Johann David Wadephu (del partito tedesco Cdu) ha detto alla stampa di Berlino, che l'alleanza di governo Cdu/ Csu guidata da Angela Merkel ha invitato il presidente russo ad usare la sua rielezione per migliorare le relazioni con l'Occidente. A congratularsi invece i leader di Cina, Serbia, Venezuela, Cuba, Bolivia. Congratulazioni anche dai presidenti di Bielorussia, Azerbaigian, Kazakistan, Moldavia.

VAI ALLO SPECIALE "LA RUSSIA PUO' ANCORA SCONVOLGERE IL MONDO?"

Silenzio da Ucraina
Come prevedibile, Putin non ha ricevuto nemmeno le congratulazioni dal leader ucraino. In Crimea e Sebastopoli, il voto è stato illegale, ha detto Petr Poroshenko. Secondo lui, i leader mondiali non sono pronti a riconoscere i risultati delle elezioni sulla penisola, dove per la prima volta gli elettori hanno votato per le presidenziali russe.

Affluenza
L'affluenza alle urne nelle elezioni presidenziali in Russia di ieri, che hanno visto trionfare Vladimir Putin, dopo lo spoglio del 99,83% delle schede è pari al 67,47%. Lo rende noto la Commissione elettorale centrale russa. Contrariamente a quanto paventato, l'affluenza alle urne si è rivelata maggiore rispetto alle precedenti presidenziali (65,25 % nel 2012).