26 gennaio 2022
Aggiornato 09:00
Il racconto di un testimone

Nizza, la storia del motociclista eroe morto dopo aver cercato di fermare il camion

Un giornalista tedesco testimone della scena ha raccontato che un coraggioso motociclista ha tentato di entrare nel camion per fermare l'attentatore. Ma non ce l'ha fatta ed è stato investito dalle ruote del mezzo.

NIZZA - Un motociclista ha cercato di bloccare il camion dell'attentatore di Nizza, provando a entrare nella cabina di pilotaggio per fermare l'attentatore, ma è caduto, finendo sotto le ruote del veicolo. Lo ha raccontato oggi alla France presse un giornalista tedesco, Richard Gutjahr, 42 anni, che al momento dell'attentato era «sul balcone dell'albergo che si affaccia direttamente su Promenade des Anglais».

Il motociclista ha tentato di entrare nel camion
«Stava guidando molto lentamente, non veloce, ed è stato inseguito da un motociclista - ha detto Gutjahr, il testimone oculare della strage di Nizza - il motociclista ha tentato di superarlo e ha anche cercato di aprire la portiera dell'autista, ma è caduto ed è finito sotto le ruote del camion». Gutjahr ha visto subito dopo due agenti di polizia aprire il fuoco contro il mezzo. Il motociclista purtroppo non ce l'ha fatta ed è morto poco fa.

Dopo gli spari il camion ha preso velocità
«Allora l'autista ha pigiato sull'acceleratore e il camion ha preso velocità e ha fatto zig-zag tra la folla. Nei successivi 15-20 secondi ci sono stati spari da diversi punti. Non so chi ha sparato a chi». Non è chiaro chi fosse lo scooterista eroe, ieri sera era circolata insistente voce che si trattasse di un poliziotto, colpito dallo stesso attentatore, ma non vi è conferma. Dopo, «la folla presa dal panico ha cominciato a correre in tutte le direzioni... io personalmente ho visto 12 cadaveri, ed è stato subito chiaro che sarebbero stati di più», ha concluso. Sono almeno 84 i morti finora, e i feriti sono decine.

(fonte Askanews)