23 giugno 2017
Aggiornato 13:30
Forse alterati per dare valutazione più positiva sulle operazioni

Rapporti sull'Isis modificati? Obama dà il via alle indagini

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha ordinato ai massimi funzionari del Pentagono di verificare se i rapporti dell'intelligence siano stati alterati per fornire un giudizio più positivo e ottimistico sulla campagna militare statunitense contro l'Isis

NEW YORK - Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha ordinato ai massimi funzionari del Pentagono di verificare se i rapporti dell'intelligence siano stati alterati per fornire un giudizio più positivo e ottimistico sulla campagna militare statunitense contro l'Isis. A renderlo noto è stato lo stesso presidente, nella conferenza stampa in Malesia che ha messo fine ai suoi dieci giorni all'estero.

Tra aspettative e realtà
Il presidente ha detto di aspettarsi che l'ispettorato generale del dipartimento della Difesa indaghi sulle accuse che modifiche significative siano state apportate dagli analisti dello United States Central Command, conosciuto come Centcom, il comando militare responsabile delle operazioni nella regione mediorientale. «Non so cosa scopriremo; quello che so è la mia aspettativa, ovvero la maggiore fedeltà a fatti e dati, alla verità».

Manipolazioni?
Obama ha voluto così rispondere a un articolo uscito ieri sul New York Times, che descrive le indagini interne al Pentagono; già a settembre il quotidiano aveva scritto che un gruppo di analisti dell'intelligence statunitense avrebbe consegnato agli investigatori del Pentagono documenti che dimostrerebbero che alti ufficiali militari avrebbero manipolato le conclusioni del rapporti sulla lotta all'Isis, sminuendo la pericolosità degli estremisti sunniti.

Prove
Le indagini, secondo il New York Times, riguardano i rapporti del Centcom redatti negli ultimi anni. Ieri, l'ex segretario alla Difesa, Chuck Hagel, ha detto di non aver mai avuto prove di rapporti d'intelligence modificati durante il suo incarico, dall'inizio del 2013 al febbraio di quest'anno, sottolineando poi che «il conflitto tra i nostri militari sul campo e i diversi gruppi d'intelligence» non rappresenta niente di nuovo. Era stato lo stesso quotidiano, ad agosto, a dare la notizia dell'apertura dell'indagine interna al dipartimento della Difesa. L'ispettore generale del Pentagono, che esamina le accuse, si sta concentrando su figure di alto livello dell'intelligence, che dirigono decine di analisti militari e civili presso il Centcom.

(Con fonte Askanews)