5 giugno 2020
Aggiornato 01:30
La crisi irachena

Forze curde hanno conquistato zona est della diga di Mosul

Durante offensiva lanciata con la copertura dei raid aerei USA. La diga sul fiume Tigri, sulla riva meridionale del lago di Mosul, circa 50 chilometri a nord della città, garantisce acqua ed elettricità a gran parte della regione ed è cruciale per l'irrigazione di vaste zone agricole della provincia di Ninive.

MOSUL - Le truppe curde, sostenute dall'aviazione americana, hanno preso il controllo «del versante orientale della diga» di Mosul. Lo ha riferito alla France presse il generale curdo Abdelrahman Korini.

Raid aerei americani sono in corso da questa mattina attorno alla diga di Mosul, la più grande del Paese, finita in mano ai jihadisti all'inizio del mese. Un'operazione aerea volta a sostenere l'offensiva dei peshmerga per riconquistare il territorio passato sotto il controllo dello Stato islamico.

«I peshmerga curdi, con il sostegno aereo americano, hanno preso il controllo del versante orientale della diga», ha detto il generale.

«Abbiamo ucciso diversi jihadisti dello Stato islamico. Stiamo ancora avanzando e nelle prossime ore dovremmo annunciare buone notizie», ha aggiunto il generale curdo.

Già l'emittente araba al Jazeera aveva riferito di 15 miliziani morti nell'offensiva.

La diga sul fiume Tigri, sulla riva meridionale del lago di Mosul, circa 50 chilometri a nord della città, garantisce acqua ed elettricità a gran parte della regione ed è cruciale per l'irrigazione di vaste zone agricole della provincia di Ninive.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal